GazzettaWeb.info
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

Valeriano Magni da Milano

Scritto da antonietta pistone il 23/11/2016
Valeriano Magni da Milano

Riformatore e diplomatico apostolico
per il dialogo interreligioso tra Chiesa e Stato

Giovedì 17 Novembre, alle ore 18, presso la Sala Rosa del Vento in Via Arpi a Foggia, si è tenuto un incontro dal titolo “Il Rapporto tra Chiesa e Istituzioni Civili nella Diplomazia Pontificia, in Mitteleuropa”. Sono intervenuti all’evento Padre Alfredo Di Napoli, storico della chiesa ed autore del libro Valeriano Magni da Milano, pubblicato per le Edizioni della Biblioteca Francescana, e il professor Mario Spedicato, docente di Storia Moderna presso l’Università del Salento e Presidente della Sezione di Lecce della Società di Storia Patria per la Puglia.

L’incontro, organizzato dal MEIC (Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale) e dalla Fondazione Banca del Monte Domenico Siniscalco Ceci di Foggia, ha rappresentato un’occasione di studio e di approfondimento delle lezioni di storia per alcune classi del Liceo Scientifico “G. Marconi” di Foggia accompagnate dalle docenti Rosaria Chirolli e Antonietta Pistone.

Valeriano Magni era un missionario apostolico, frate minore cappuccino, vissuto a Praga nel corso della Guerra dei Trent’anni (1618-1648), e incaricato da Propaganda Fide di intessere un dialogo diplomatico tra Chiesa e Stato, per ricattolicizzare l’Europa dopo l’ondata protestante. Il suo ideale era ispirato a San Lorenzo da Brindisi, elevato dalla Chiesa al titolo di "Dottore apostolico". L'opera riformistica di Magni si snoda attraverso due punti fondamentali: l'organizzazione dello stato ecclesiastico e il modo di trattare con i protestanti da lui chiamati "biblisti".

Valeriano si propone di dialogare a Vienna con Ferdinando II e in Polonia con Ladislao IV.

La chiesa cattolica, difatti, cercava un confronto pacifico con le religioni luterana e calvinista, secondo gli accordi della Pace di Augusta (1555), che affermava i due principi del cuius regio, eius et religio, e del reservatum ecclesiasticum, e della Pace di Westfalia (1648), che segnò la fine dell’impero asburgico e della sua pretesa di costituire uno stato confessionale, a sola religione cattolica.

Dunque Valeriano Magni fu un riformatore e un diplomatico, che tentò di restituire decoro e dignità al dialogo interreligioso nel nome della tolleranza e del rispetto reciproco di tutte le confessioni.

I due relatori, Padre Alfredo Di Napoli ed il professor Mario Spedicato, hanno evidenziato l’attualità dell’opera missionaria del frate cappuccino che, soprannominato il Monaco lungo, si impegnò a ricattolicizzare il popolo boemo dopo la predicazione di Jan Hus, facendosi nemico dei Gesuiti. La sua lungimiranza fu pagata a caro prezzo, quando venne arrestato a Vienna. Il monaco insegnò anche filosofia a Praga e a Vienna, combattendo l’aristotelismo da posizioni agostiniane.

L’attualità dell’opera riformatrice di Valeriano Magni è ancora implicitamente affermata dalle parole pronunciate da Papa Francesco nel corso del suo ultimo viaggio in Svezia, il 31 ottobre 2016:...

» Leggi ancora...




Il MEIC
23/11/2016
un'avanguardia missionaria nel mondo della cultura e delle professioni

Una fede che cerca, che pensa, che riflette: questa responsabilità, propria di ogni cristiano adulto, diviene nel Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale (MEIC) un itinerario concreto di vita ed una proposta di servizio nella comunità degli uomini e nella Chiesa.
Un itinerario di formazione cristiana basato anzitutto sulla conoscenza della Sacra Scrittura, sull'approfondimento della teologia e della liturgia, che metta...
KARL DOENITZ, GRAND’AMMIRAGLIO TEDESCO. ANGELO PARONA, AMMIRAGLIO ITALIANO
23/11/2016
Breve storia di due uomini di mare
Parona entra nella storia della Maddalena

di Giovanni Presutti

Karl Doenitz, ammiraglio tedesco (1891-1980). Entrato in marina nel 1910, dopo essere stato comandante di sommergibili durante la prima guerra mondiale e comandante di incrociatore, nel 1935 fu preposto alla ricostruita flotta subacquea del Reich. Continuò a spingere per la costruzione di altri U-Boot e per il loro sviluppo tecnologico.
Nella seconda guerra mondiale fu primo e maggiore...
“MAI POTRÀ VENIRE MENO LA RICONOSCENZA E LA MEMORIA VERSO CHI HA DONATO LA VITA PER LA PATRIA”
1/10/2016
Lo scrittore e poeta Erri De Luca, amante delle montagne, sulle quali l’uomo si sente piccolo di fronte all’universo, afferma, in un’intervista che, chi va in montagna lo fa per essere più vicino al cielo. Quando gli si chiede quali memorie delle nostre montagne non possiamo perdere, il poeta ricorda che i resti delle trincee della Prima guerra mondiale meritano il ricordo perenne e tutti dovrebbero visitarle, perché è là che si sono svolte le più assurde manovre militari, i più inutili...
AMICA DELLA FORZA
14/9/2016
AMICA DELLA FORZA
Di Antonietta Zangardi

Settembre, mese del rinnovamento, della ripresa e del ritorno alle attività sospese dall’estate. Hermann Hesse disegna, con delle immagini fugaci, l’estate che se ne va, crea delle atmosfere sfumate, giocando con le parole :

Silenziosa trema
l’estate, declinando alla sua fine.
Gocciano foglie d’oro
giù dalla grande acacia.
Ride attonita e smorta
l’estate dentro il suo morente sogno.
S’attarda tra le rose,
pensando alla sua...
Dai Monti al Mare
10/9/2016
Anche quest’anno, durante il mio soggiorno estivo sulle montagne del Parco Nazionale d’Abruzzo della Maiella, l’amico campogiovese Giovanni Presutti ha voluto omaggiarmi del suo libro più recente, ultima fatica letteraria dopo numerose altre pubblicazioni, tra le quali bisogna ricordare quelle a contenuto storico, come Il Brigante Primiano, Raus, Garibaldi un Vita a Caprera. e quelle più legate alla storia delle tradizioni locali e al territorio, come Sapore di Casa, Luce della Memoria.

Il...
I centocinque anni di zia Nannina …
2/7/2016
I centocinque anni di zia Nannina …

di Lorenzo Bove

Centocinque anni ben portati, molta lucidità e tanti ricordi della sua lunga vita da raccontare.
Giovanna Galullo, vedova Fusco, per tutti Nannina, è nata a Poggio Imperiale in provincia di Foggia il 24 giugno 1911 da Primiano Galullo e Primiana Bubici, e gode tuttora di discreta salute, pur nella considerazione di qualche inevitabile problema legato all’età avanzata.
Il giorno 24 giugno 2016, nella ricorrenza della festività di san...




Gazzetta Web