GazzettaWeb.info
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

Arresto e condanna di Gesù

Scritto da antonietta pistone il 22/4/2018
Arresto e condanna di Gesù

La verità sui vangeli e altro
Credenze primordiali
di Giovanni Presutti

Dai primordi dell’umanità l’uomo nella sua semplicità forse per timori ancestrali ha sentito il bisogno di legarsi sentimentalmente a qualcosa che fosse punto di riferimento della sua terra, del suo passato e ricordo di antichi avi. Dai simboli più vivi, come i vulcani, i fiumi o gli specchi di mare, oppure le pianure, le valli, i monti…, in ogni elemento cospicuo, le genti che ne erano a vista idealizzavano la “Dea madre” da venerare per essere protetti.
Religione cattolica
Nella credenza di uomini vissuti in un’epoca relativamente vicina come il periodo storico di Gesù Cristo, c’era la convinzione, tuttora persistente, di un’entità soprannaturale creatrice dell’universo. Credenza disconosciuta dalla intellettualità mondiale, scienziati filosofi studiosi, insomma uomini di grande cultura. L’esistenza di Gesù predicatore è storicamente provata. I Romani non lo vedevano di buon occhio perché i suoi proseliti non concordavano con la linea politica di Roma.
Motivazioni, arresto e condanna di Gesù
Il giorno seguente l’Ultima Cena, Gesù e i discepoli vanno al Getsemani, un giardino ritenuto orto degli olivi, luogo poco oltre il torrente Cedron. I Vangeli riferiscono che al Getsemani Gesù cadde in un profondo turbamento. Affranto nella sua angoscia, si appartò in preghiera. Poi, mentre parlava con i discepoli, in lontananza si udiva l’arrivo delle guardie del Sinedrio, supremo organo politico, religioso e giudiziario, una folla guidata da Giuda Iscariota, con spade e bastoni mandata dai sommi sacerdoti. Giovanni aggiunge che vi erano anche dei soldati romani. Entrarono nel giardino. Giunto vicino al maestro, il traditore lo baciò. Era il segnale per indicare la persona da arrestare, e così avvenne.
Gesù fu interrogato da varie autorità politiche e religiose. Il tribunale ebraico gli contestò l’accusa teologica di “bestemmia”, per essersi equiparato a Dio. Davanti al tribunale romano gli venne formulata un’accusa politica, la sedizione e il reato di “lesa maestà” per essersi proclamato “re dei Giudei”, per cui fu condannato alla pena capitale mediante crocifissione.
La verità sui Vangeli
I vangeli degli apostoli Matteo, Luca, Marco e Giovanni narrano della vita di Gesù. Sono considerati canonici della religione cristiana. In realtà questi vangeli erano memorie scritte dei quattro apostoli. Tra la fine del I e l’inizio del II secolo, alle memorie degli apostoli vennero aggiunte le memorie della tradizione orale. Questo insieme venne rielaborato in vangeli, secondo i criteri dell’ortodossia, a cura dei Padri della Chiesa e degli scrittori ecclesiasti, quindi non autori oculari. Gli altri vangeli, riconosciuti come non ispirati da Dio, sono detti apocrifi. Nel corso dei secoli alcuni copisti avrebbero rimaneggiato i vangeli secondo il loro credo soggettivo. Infatti quelli di Matteo e Luca risultano in diverse parti copiati dal vangelo di Marco,...

» Leggi ancora...




UN NUOVO PUNTO DI VISTA PER RILEGGERE IN MANIERA “GLOBALE” L’ESISTENZA E IL SAPERE MITOPOIETICO
16/4/2018
Dal 16 al 21 aprile p.v. si svolgerà a Troia (FG) la prima settimana del corso di Epistemologia Globale, per presentare il nuovo punto di vista che è alla base della Fondazione Nuova Specie, a partire dalle ricerche sul campo del dr. Mariano Loiacono. Il corso è preceduto, domenica 15 aprile, da un interessante Salotto Letterario Globale in cui verrà riletto in chiave globale il libro biblico di Giuditta.

La Fondazione Nuova Specie onlus, con sede a Troia (FG), riconosciuta quale “Persona...
Quel vuoto dialogo fatto di nulla
13/4/2018
E la scelta di dover morire per raccontare a tutti la verità
I nostri ragazzi hanno perso il senso delle passioni, perché gliele abbiamo fatte dimenticare, le vogliamo spegnere, scotomizzare, in quanto le riteniamo pericolose. La famiglia, la scuola, la società, il mondo intero, ci chiedono competenze, performance, efficienza, eccellenza, disumanizzando l’istruzione e la cultura.
Ma noi non siamo macchine. E non lo sono i nostri figli e nemmeno i nostri alunni.
Bisogna ritornare ad essere...
Il Liceo Scientifico G. Marconi di Foggia al Sorriso per celebrare la Giornata Mondiale dell’Autismo
12/4/2018
Il 2 aprile scorso si è celebrata la Giornata Mondiale dell’Autismo, istituita dall’assemblea generale dell’ONU nel 2007 con l’obiettivo di sensibilizzare la comunità internazionale sulle caratteristiche e manifestazioni di tale condizione.
Secondo gli esperti un bambino ogni 100 presenta un disturbo dello spettro autistico, ma il fenomeno è in crescita e in Italia il problema coinvolge circa 500.000 famiglie.
L’esordio dell’autismo si manifesta fra i 14 e i 28 mesi e la malattia dura tutta...
NELLE MARCHE UNA SETTIMANA INTENSIVA PER SPERIMENTARE IL “METODO ALLA SALUTE”
5/4/2018
PERCHÉ OGGI SI STA MALE? COME SI PUÒ CRESCERE?

Dal 3 all’8 aprile p.v. si svolgerà ad Ancona una Settimana Intensiva organizzata dalla Fondazione Nuova Specie onlus in collaborazione con l’Associazione Alla Salute onlus Marche per conoscere e sperimentare il “Metodo Alla Salute”:
una proposta alternativa globale a psicofarmaci e psicoterapie


La Fondazione Nuova Specie onlus, con sede a Troia (FG), riconosciuta quale “Persona Giuridica” da parte del Ministero dell’Interno e iscritta al...
GIORNATA MONDIALE DELLA POESIA
5/4/2018
IL DIALOGO PER RENDERE SALDE LE SORTI DEL MONDO

Il 24 marzo scorso, nell’Auditorium dell’Istituto Comprensivo “Bozzini-Fasani” di Lucera, si è celebrata la “Giornata Mondiale della Poesia” con la premiazione dei vincitori della XIII Edizione del Concorso Letterario Regionale bandito dal Club per L’UNESCO di Lucera. Riportiamo la relazione del poeta Michele Urrasio, Presidente della Commissione giudicatrice (n.d.r.)

È la seconda volta che il nostro Premio propone come tema del concorso “Il...
L’Abbazia di Ripalta e il suo borgo agricolo
4/4/2018
Santa Maria di Ripalta è un monastero situato sulla riva destra del fiume Fortore a circa 11 chilometri da Serracapriola (Foggia). Abitata originariamente dai monaci benedettini, fu sede della comunità dei cistercensi che si insediarono agli inizi del 1200. Quest’ordine monastico fondato da San Bernardo da Chiaravalle era famoso per il suo rigore morale e per la notevole conoscenza dell’economia agraria. Il monaco francese, fondatore di molteplici monasteri, era fortemente contrario al lusso...




Gazzetta Web