GazzettaWeb.info
COLLABORA
corsi
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

Scritto da redazione il 1/7/2013


∞

di Maurizio Bevilacqua
Ovvero lemniscata. É un termine molto sgradevole e poco orecchiabile: sono stato tentato di non utilizzarlo. Le regole del marketing mi imporrebbero termini più facili da ricordare, ma io non voglio seguire certe regole. Preferisco usare il mio istinto e una vocina silenziosa che mi ha detto cosa fare.
Così è stato, anche se “nodo dell'amore” proporrebbe tante riflessioni. Se chiudessi gli occhi, sarei sicuro di ricordarmi tanti episodi della mia vita. Ora ho in mente l'immagine di un cane, pastore belga, completamente nero e pieno di forza. Sono passati quaranta anni e l'amore che provavo per lui è rimasto immutato.
Conosco diverse persone che si indignano quando sentono parlare di amore per gli animali e mi correggono utilizzando il termine “affezione”. Io mi affeziono forse al lavoro, a una squadra di calcio, a un essere umano e non vedo per quale motivo non si dovrebbe usare il termine amore per gli animali. Vorrei che il paradiso, qualora esistesse, altro non sarebbe che un luogo dove ritrovare tutti gli esseri che abbiamo e ci hanno amato. Quindi, per quale motivo dovrei escludere gli animali? Il mio paradiso ideale è composto da animali, da piante e da fiori.

L'uomo si pone delle domande, magari ponendole al soggetto sbagliato (un prete, un esattore delle tasse, un collega di lavoro, ad esempio). Domande che meriterebbero risposte sensate.
Singolare è l'origine della parola “amore”. Formata da una “a” privativa (o negativa) e da “mors” (cioè la morte). Analizzando il significato preciso, amore letteralmente sta per ciò che è “oltre (senza) la morte”. Quindi, dovremmo essere ben attenti quando pronunciamo la parola “amore”. Forse, non c'entrerebbe il bene che possiamo provare per una persona. Se dicessimo “ti amo”,    manifesteremmo solo la volontà di andare oltre la morte (la non morte). A questo punto, cosa realmente gli auguriamo, di morire il prima possibile?
Lemniscata è un nodo infinito, senza nascita e senza morte. Ogni tanto riguardo il simbolo e mi vengono gli attacchi di panico.


Gazzetta Web