Abbazia di Kalena

Scritto da edelpoggio il 16/5/2019


Abbazia di Kalena

Nella piana di Peschici, splendida cittadina del Gargano, si trova l’abbazia di Kalena una delle più antiche d’Italia. Costruita nell’872, fu sede dei monaci benedettini che si dedicavano all’agricoltura. Sorta come donazione del vescovo di Siponto all’abbazia delle Tremiti, assunse grande importanza nel corso dei secoli anche grazie alle donazioni di papi e imperatori. Dopo un periodo florido, iniziò, inesorabile, la decadenza. Ciò che rimane di tutto il complesso, è costituito dalle mura di cinta, in parte il chiostro e le due chiese a una delle quali manca il tetto. I pellegrini che erano diretti alla grotta di S. Michele, solevano passare per Kalena. Si dice che esistesse un percorso segreto che permetteva ai frati di sfuggire alle incursioni dei saraceni e che l’imperatore Barbarossa abbia seppellito la figlia nella cripta insieme ad un tesoro tra l’altro mai trovato. Ho avuto la fortuna di poter visitare quest’abbazia l’8 settembre, l’unico giorno in cui è aperta al pubblico in occasione della festa di S. Maria delle Grazie. Gli abitanti di Peschici, sono soliti recarsi all’abbazia in processione, recitando il Rosario con grande devozione. Ho potuto assistere personalmente a questo evento ed ho constatato che la grande partecipazione a questa festa religiosa evidenzia il forte legame esistente tra la gente del posto e questa splendida abbazia. Erano presenti numerose associazioni garganiche volte a sensibilizzare la gente al problema dell’incuria e del forte degrado in cui versa questo monastero. Bisognerebbe intervenire prima che sia troppo tardi.