GADD - la dialettica

Scritto da redazione il 21/1/2012


GADD - la dialettica

Il GADD continua a suscitare il dialogo collettivo sollecitando e ottenendo risposte dai politici locali. In questo caso, ad una lettera degli Amici della Domenica, e ad una nota pubblicata su facebook da Maurizio Antonio Gargiulo, che ha fatto parte in passato del gruppo foggiano, è il consigliere Italo Pontone a rispondere con le sue scuse, da noi riportate di seguito dopo le due missive sotto pubblicate

Lettera aperta ad un politicante.

Egregio sig. politicante (tutto rigorosamente minuscolo) è giunto alle orecchie del Gruppo Amici della Domenica (GADD) che in una riunione di partito ella (tutto rigorosamente minuscolo) ci ha cambiato il nome in “babbioni” della domenica.

Non so cosa significhi per lei il termine, ma a noi è sembrato un tantino offensivo e comunque detto, per chi l'ha sentita e nei confronti di un gruppo che fa dell’impegno civico una bandiera, con quel pizzico di cattiveria che è proprio di quelli che come lei non hanno la minima idea di cosa significhi governare e cosa sia la politica, limitando a fare della sua azione pubblica solo esercizio da politicante.

Il termine politicante per noi del GADD significa l’agire di chi non assolve alla sua azione pubblica improntandola al ben comune.
E’ sotto gli occhi di tutti il disastro in cui l’azione di gente come lei ha portato la città.
Non le diciamo che si dovrebbe vergognare per quello che ha detto, perché temiamo non capirebbe, visto che non si è vergognato dello scempio che ha fatto la sua azione scellerata di politicante in questi anni.

Non sto ad enumerale le malefatte di questi anni, sarebbe come sparare sulla croce rossa, basti per tutte la posizione in classifica che abbiamo guadagnato nelle graduatorie sulla qualità della vita.

Noi cittadini siamo colpevoli per aver votato lei e quelli come lei, appartenenti alla stessa genia di attori inconsapevoli del danno che le proprie azioni potevano produrre. Abbiamo affermato, in questo anno di vita del GADD, di rivendicare la voglia di vivere in una città normale , malgrado lei e quelli come lei.

Sappia, caro politicante, che continueremo a proporci come sprone e pungolo per quelli che hanno ancora voglia di fare POLITICA, intesa nel senso alto ed ampio del termine, che non stiamo qui a spigarle, credendo essere tempo perso.

I politicanti sono sotto tutte le bandiere, ma vestono tutti la stessa casacca: quella dell’incompetenza e dell’arroganza rozza ed ignorante.

In un momento così drammatico come quello che sta vivendo la nostra comunità, oberata di debiti e contornata dai fallimenti che ella ha prodotto per incapacità, speriamo, (lasciando alla magistratura la competenza di accertare che non ci sia anche azione delinquenziale) sarebbe compito di chi ha a cuore le sorti della città quello di chiamare tutte le forze vive operanti sul territorio e chiedere loro di stringersi intorno ad un progetto di risanamento.

Questo è quello che auspichiamo noi, gruppo di donne e di uomini che da babbioni ci credono ancora, nonostante lei.
La salutano con la sua stessa cordialità il gruppo degli amici della domenica!

infocontatto: amicidelladomenica@gmail.com

La nota di Maurizio Antonio Gargiulo

Preg.mo Consigliere ed ex Assessore,
con dispiacere apprendo, da fonte giornalistica, che durante la riunione di segreteria del PD Lei avrebbe proferito, urlando, tale espressione "Chi sono questi amici della domenica? ... sono piuttosto i deficienti della domenica!".
Sicuramente Lei (uso la maiuscola perchè sono una persona educata) non conosce il gruppo, altrimenti non avrebbe potuto definirli in tal maniera (il condizionale è d'obbligo in queste occasioni). Ho partecipato personalmente, in passato, a diverse iniziative degli Amici (in grande perchè non è solo formalismo in tal caso). Tutte "piccole azioni" di un reale tentativo di civile partecipazione attiva della cittadinanza alle vicende della propria città. Pulizie dei giardini, delle strade, monumenti in memoria, denunce d'irregolarità amministrative e di mal custumi locali. In breve Le ho inquadrato (così ora sa)    l'azione di questo gruppo di persone che non merita in alcuna maniera l'appellativo da Lei eventualmente proferito addirittura in una sede importante come quella di una segreteria di partito.
Sono certo che domani leggerò la Sua smentita e/o le scuse ufficiali. In caso contrario sarebbe molto grave il Suo silenzio. Un politico eletto dal popolo che da dei deficienti al Suo stesso popolo sarebbe solo una manifestazione di grandissima stupidità e di manifesta inciviltà. E questo a prescindere poi se lo stesso politico si è reso o meno co-responsabile del disastro chiamato Foggia. Benissimo allora. Che domani si legga, dunque, la Sua smentita o le Sue scuse alla cittadinanza attiva, l'unica davvero che non merita quell'ultimo posto in graduatoria e che di deficienza non ha davvero nulla... a differenza dei suoi politici.
Distinti saluti
Avv. Maurizio Antonio Gargiulo

La risposta di Italo Pontone

Carissimi, vi prego di accettare le mie scuse più sincere. Una frase scherzosa detta in un contesto informale, è stata estrapolata e considerata il giudizio di un rappresentante politico contro una delle realtà più dinamiche e positive della città. Spesso non mi trovo d'accordo coni toni che( alcuni) fra gli Amici della Domenica usano, nè con gli argomenti che meriterebbero un confronto e un approfondimento più sereno. Ma di certo anche perchè nei GADD ci sono persone di cui mi onoro essere amico e di cui apprezzo l'impegno civico,considero inoltre,importante l'esperienza che avete proposto alla città e alla politica. L'una e l'altra hanno tutto da guadagnare dalla vostra attività.

Con amicizia Italo Pontone