GazzettaWeb.info
COLLABORA
corsi
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

Adozioni a distanza

Scritto da redazione il 31/12/2011


Adozioni a distanza

Natale vuol dire anche disponibilit e partecipazione ai problemi degli altri e del mondo. Vi sono aree della terra sottosviluppate, in Africa, Asia e America Latina, nelle quali le poche risorse a disposizione non sono assolutamente sufficienti a risolvere il problema della fame e della equilibrata nutrizione dei bambini in fase di crescita. Ma vi anche la necessit di istruire queste popolazioni perch possano, un giorno non cos lontano, provvedere in modo autonomo al fabbisogno della propria gente e allo sviluppo delle zone in cui abitano e vivono. Noi Occidentali, che spendiamo nel consumismo la nostra esistenza, possiamo contribuire fattivamente, aiutando alcune famiglie numerose e pi indigenti a crescere i loro figli, adottando a distanza questi bambini per consentire loro una formazione educativa in grado di metterli in futuro al passo con il resto del mondo. Potrebbe essere un proposito apprezzabile per il nuovo anno. Chiunque volesse adottare un bambino a distanza pu digitare su questo indirizzo al link di seguito
http://dbwizard.actionaidinternational.it/Iniziative/GOO19/index.html

Intanto riportiamo una bellissima poesia di Raffaele de Seneen che, ironizzando sulla coppia di Maria e Giuseppe, solleva il problema delle adozioni a distanza con una sensibilit che, a nostro parere, non ha eguali

Problemi di coppia

E disse la Madonna a San Giuseppe:
Sta vte f da sle ije nen mha snde!
Nen psse nnne ca nen rumne ncnte,
vde che fa, nen me decnne nnde!.

Madonna mije e che amma sse dtte!
Decije San Gesppe stte a btte,
Nen shnne vste mije di quisti cose,
ije so u marre e tu si a spse!.

I tmpe ancre nen se so ftte prnte,
sme arrute sle e corna mbrnte,
ma u ftte de sgrav da parta mije,
nen l decde tu, ladda decde Ddije

Gese, nnde da fa, ije nen mammcche,
mo vde che pre a mezzantte sccche,
u vve e u ciucciarlle so gi prnte,
fensce ca tarredce mponda mpnde!

Teh, ma stije decnne averamnde!?
Tu vuje cagn u mnne, n u mumnde!
Nadda pass de cque stte e pnde,
u sle acle e a lne, av, gi spnde!.

Snde Gese, chiudmele sta prteche,
facme na cse.chess, cchi sempteche,
quistnne ladottme u criatre,
nen fce nnde si grussetlle e fre mesre!

Ce sparagnme ltte, medecne e mbracatre,
e vde vde ca facme pre na bella fegre!
Meh dtte da f, intnde ije aggiste a nche,
me vste mgghije, me mtte na cosa ncpe!

Gesppe ascnne ascnne ce jjie penznne,
turnije arrte, Marije stve asciugnne i pnne,
Mar decije con aria pensierosa
lnne ca vne amma f a stessa cosa!!??.

Gese, penzme a mo, ca po se vde
No, che m vente nu penzre bbne, almne crde,
ca pe lu u cne a rgge e gne delre de pnze,
facme nadozine, ma facmele a distnze!

Raffaele de Seneen


Gazzetta Web