GazzettaWeb.info
COLLABORA
corsi
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

Al traguardo la natura pareggia i conti

Scritto da redazione il 27/10/2012


Al traguardo la natura pareggia i conti

Ho poi veduto per quali inintelligibili sciocchezze gli uomini si sono reciprocamente maledetti, detestati, perseguitati, sgozzati, impiccati, arrotati e bruciati; e ho detto: “Se in quei tempi abominevoli ci fosse stato un saggio, sarebbe stato costretto a vivere e a morire nei deserti”.
Voltaire, Il Filosofo Ignorante (LV)


Il peggioramento delle condizioni climatiche su tutta l’Italia, anticipa, nelle ultime ore, l’arrivo del mese di Novembre, ormai davvero prossimo, e apre le porte alla festività di Ognissanti. Festa cattolica molto sentita, Ognissanti viene celebrata un giorno prima della commemorazione dei defunti e un giorno dopo la festa di Halloween, rito pagano che ricorda gli spiriti dei morti, che vanno in giro con le loro lanterne accese nelle zucche vuote, e le streghe, che con quel mondo dell’aldilà hanno un rapporto misterioso e ignoto ai più. Feste suggestive che, mescolando le tradizioni religiose della cristianità con i riti anglosassoni di derivazione pagana, offrono al pensiero filosofico un tributo che è implicito nella domanda sul senso del vivere e del morire, assolutamente comune a tutti gli uomini di tutte le culture e di ogni tempo storico. Nelle nostre famiglie ci si riunisce tutti insieme a festeggiare la vita eterna di morti e viventi, e l’eterno ciclo delle stagioni con il loro ineluttabile avvicendarsi. I frutti che occupano le nostre tavole, in una gioiosa anteprima dell’evento del Natale, sono le tanto amate caldarroste, la cioccolata, il vincotto, il grano cotto, le noci, il melograno, la zucca e la frutta candita, tutti simboli di prosperità e di abbondanza, oltre che di buona fortuna per chi se ne ciba. Si usa far visita ai defunti, e ritrovarsi con parenti e amici a voler rappresentare la continuità della vita con la morte, per ricordare che i valori della fratellanza e dell’amore sono gli unici riferimenti che ci restano per continuare ad essere nel ricordo di chi ci ha amato e che abbiamo a nostra volta riamato. Il legame della vita con la morte è molto stretto ed è sentito come elemento fondamentale, caratterizzante l’intera esistenza umana. La precarietà del vivere si fa centrale in questi giorni, in cui gioie e dolori si mescolano in una miscellanea che spazia dagli odori della cucina familiare a quella dei fiori di cui si arricchiscono i cimiteri. E, proprio come accade nella vita di tutti i giorni, dolori e gioie vanno a braccetto e diventano l’essenza dell’essere del quotidiano. Soprattutto, in questi giorni, ci si mette ancora più a contatto con i due misteri fondamentali della vita: quello della morte e del suo perché e quello della possibilità di un’esistenza immortale nello spirito. La mentalità atea rifiuta la possibilità di una vita immortale dell’anima, e risolve tutto nell’incontro, che si fa relazione e comunione nel qui ed ora della vita terrena. Ma il mistero della morte accomuna tutti, credenti e non. La sola certezza che abbiamo è che ciascuno di noi debba morire. E a questa verità non c’è scampo. Non c’è via d’uscita per il ricco come per il povero, per il potente come per il più debole. La natura pareggia i conti alla fine, al traguardo. E rappresenta lo scacco del delirio di onnipotenza dell’uomo moderno e contemporaneo, che ha accorciato i tempi della storia a partire dal Settecento. In questi giorni leggevo le pagine del Filosofo Ignorante di Voltaire, illuminista francese che ha lottato per l’affermazione della tolleranza religiosa e della laicità dello stato. Ebbene, anche in questo libro è espressa una certa malinconia dell’umano, in perenne cammino verso una verità irraggiungibile, che spesso appare piuttosto come un mistero non ancora svelato alla ragione. E seppure sia questa un’opera dell’Illuminismo francese, l’unica cosa che appare certa della natura umana è la sua intrinseca debolezza, che comporta l’implicita accettazione del limite, insieme con l’umiltà di chi si confronta con temi irresolubili e troppo grandi, come l’apertura a dimensioni infinite, incomparabili con le potenzialità dell’umano pensiero. Ogni filosofo, in ogni tempo, esprime il senso di questa incompiutezza dell’essere che, sebbene limitato, si apre al mistero infinito della morte, senza comprenderlo. Tema che è stato trattato spesso anche in poesia. E che ribadisce all’unisono sia l’inconsistenza delle posizioni subalterne di potere all’interno dello stato, sia le incomprensioni per motivi di fede, e la conseguente lotta per l’intolleranza politica e religiosa. Ritengo, però, insuperabile ed inossidabile al tempo che scorre la lirica di Antonio De Curtis, in arte Totò. Il grande artista esprime in versi superbi il potere ineluttabile della morte che è come una livella nei confronti delle false idee di cui è popolato il mondo dei vivi. Sono certa che la conoscete già. Ma ve ne faccio comunque idealmente dono, per riflettere pienamente sul significato della vita e della morte, e sul conseguente valore della fratellanza tra gli uomini di ranghi, culture e popolazioni differenti tra loro.

Antonietta Pistone


'A livella
Ogn'anno il due Novembre, c'e l'usanza,
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn'anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zì' Vincenza.
St'anno m'è capitata 'n' avventura....
dopo di aver compiuto il triste omaggio,
(Madonna !), si ce penzo, che paura !
ma po' facette un'anema e coraggio.
'O fatto è chisto, statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d' 'a chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un'occhio a qualche sepoltura.
" QUI' DORME IN PACE IL NOBILE MARCHESE
SIGNORE DI ROVIGO E DI BELLUNO
ARDIMENTOSO EROE DI MILLE IMPRESE
MORTO L'UNDICI MAGGIO DEL TRENTUNO".
'O stemma cu 'a corona 'ncoppa a tutto....
....sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
trè mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto;
cannelle, cannellote e sei lumine.
Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore,
nce steva n'ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore,
pe' segno, sulamente 'na crocella.
E 'ncoppa 'a croce appena si leggeva:
"ESPOSITO GENNARO NETTURBINO".
Guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino !.
Questa è la vita ! 'Ncapo a me penzavo....,
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente !
Stu povero maronna, s'aspettava
ca pure all'atu munno era pezzente ?
Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i' rummennette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura....nnanze a cannelotte.
Tutto a 'nu tratto, che veco 'a luntano ?
Ddoje ombre avvicinarse 'a parte mia....
Penzaje...stu fatto a mè mme pare strano...
Stongo scetato...dormo, o è fantasia ?
Ate che fantasia; era 'o Marchese:
c''o tubbo, 'a caramella, e c''o pastrano;
chill'ato apriesso a isso in brutto arnese
tutto fetente e cu 'na scopa mmano.
E chillo certamente è don Gennaro...
'o muorto puveriello....'o scupatore
'Int'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se retireno a chest'ore ?
Putevano stà 'a mè quasi 'nu palmo,
quando 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e, tomo tomo, calmo calmo,
dicette a don Gennaro: " Giovanotto !
Da voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire, e come aveto osato,
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a mè che sono un blasonato ?!
La casta è casta, e và sì, rispettata,
ma voi perdeste il senso e la misura;
la vostra salma, andava sì inumata,
ma seppellita nella spazzatura !
Ancora oltre sopportar non posso,
la vostra vicinanza puzzolente.
Fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso,
tra i vostri pari, trà la vostra gente "
" Signor Marchese, nun è colpa mia,
iì nun v'avesse fatto chistu tuorto,
mia moglie è stata, a 'ffà stà fessaria,
i' che putevo fà si ero muorto ?
Si fosse vivo ve farrie cuntento,
pigliasse a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo, obbj....'nd'a stu mumento
mme ne trasese dinto a n'ata fosse. "
" E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza ?
Se io non fossi stato un titolato,
avrei già dato piglio alla violenza !"
" Famme vedé....pigliala stà violenza....,
'A verità Marché' , me só scucciate,
'e tè sentì; e si perdo la pazienza,
me scordo ca so' muorto e so' mazzate.....!
Ma chi te cride d'essere...nu ddio ?
Ca dinto, o vvuò capì, ca simmo eguale ?
......Muorto si' tu, e muorto so' pur io;
ognuno comme a 'n'ato è tale e qquale ".
" Lurido porco !...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali ? "
" Tu quà Natale..., Pasca e Ppiffania ! ! !
T''u vvuò mettere 'ncapo...'int''a cervella
che staje malato ancora 'e fantasia ?
'A morte 'o ssaje ched'è ? è una livella.
'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grand'ommo,
traseno stu canciello ha fatt''o punto
c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme:
tu nun t'hè fatto ancora chistu cunto ?
Perciò stamme a ssentì...nun fà o restivo,
suppuortame vicino...che t'importa ?
Stì pagliacciate 'e fanno sulo 'i vive...
nuje simmo serie...appartenimmo â morte !"

Principe: Antonio De Curtis (Totò)


Gazzetta Web