GazzettaWeb.info
COLLABORA
corsi
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

Foggia e l’Unità d’Italia tra storia e tradizioni

Scritto da redazione il 1/10/2011


Foggia e l’Unità d’Italia tra storia e tradizioni

Associazione Amici del Museo Civico di Foggia,
FIDAM – Federazione Italiana degli Amici dei Musei

Sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica
e con il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali

VIII giornata nazionale degli Amici dei Musei
dedicata all’ Unità nelle Arti    
celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia

hanno organizzato

Foggia e l’Unità d’Italia tra storia e tradizioni

Allegato:



Museo Civico di Foggia - Piazza V. Nigri

domenica 2 ottobre 2011 –    ore 18,00
programma:

introduzione: Avv. Domenico Di Conza
                                            Presidente Amici del Museo Civico di Foggia

conferenza:        L’Unità a Foggia ed in Capitanata
relatore:                Carmine de Leo    
                                                 Ispettore Onorario Ministero Beni e Attività Culturali
                            
Il tema dell’Unità d’Italia sarà    analizzato a livello locale, per quanto riguarda la città di Foggia ed il territorio della Capitanata, con una relazione sugli avvenimenti che contrassegnarono i mesi di agosto, settembre ed ottobre del 1860. Il de Leo illustrerà, attraverso l’analisi di varia documentazione d’archivio, cosa accadde in quelle settimane a Foggia; mentre i Mille guidati da Giuseppe Garibaldi sbarcavano in Sicilia e poi in Calabria, fino all’entrata in Napoli dell’Eroe dei Due Mondi.
Foggia, ci ha anticipato lo storico Carmine de Leo, non restò a guardare e già prima che i garibaldini attraversassero lo stretto di Messina, alcuni giovani del Reggimento Dragoni Borbone erano passati alla causa dell’Unità ed in città erano fiorenti due vivaci comitati rivoluzionari, che tentarono anche di dare vita ad un governo provvisorio.
Tentativo che fu osteggiato dagli stessi filo-piemontesi; questa fuga in avanti dei patrioti foggiani non era infatti piaciuta al nuovo governo, che inviò subito ad inviare a Foggia un suo delegato in missione speciale.
Il de Leo ricorderà anche le figure di due garibaldini: il maggiore Mosè Maldacea, nato a Foggia e ferito a Calatafimi ed il trombettiere Leonardo Albanese, residente da tempo a Foggia, che si unì giovanissimo con le camice rosse nella battaglia del Volturno. Divise e medaglie di questi due eroi garibaldini sono conservati presso il Museo Civico di Foggia. La relazione affronterà infine anche il tema del plebiscito per l’Unità ed i suoi risultati nella nostra provincia.        
a seguire:
Momento musicale:     a cura di     “Gianni Pellegrini & Band”
                                                                        con musiche sulla storia della città e sull’Unità d’Italia.
Visita guidata:    Mostra di opere d’arte e documenti inediti su Foggia negli anni
                                                     dell’Unità.
Visita alla Mostra di opere grafico-pittoriche, e non solo, realizzate dagli allievi della
                                                     scuola primaria S.Pio X di Foggia e dagli alunni della scuola media
                                                        di Ordona e della scuola media G. Bovio di Foggia presso
                                                        il Laboratorio.


Gazzetta Web