GazzettaWeb.info
COLLABORA
corsi
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

Fuga in Egitto. Il Natale si tinge di rosso

Scritto da redazione il 28/12/2012


Fuga in Egitto. Il Natale si tinge di rosso

di Paolo Curtaz
I Magi erano appena partiti, quando un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe e gli disse: «Àlzati, prendi con te il bambino e sua madre, fuggi in Egitto e resta là finché non ti avvertirò: Erode infatti vuole cercare il bambino per ucciderlo».
Egli si alzò, nella notte, prese il bambino e sua madre e si rifugiò in Egitto, dove rimase fino alla morte di Erode, perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta:
«Dall’Egitto ho chiamato mio figlio».
Quando Erode si accorse che i Magi si erano presi gioco di lui, si infuriò e mandò a uccidere tutti i bambini che stavano a Betlemme e in tutto il suo territorio e che avevano da due anni in giù, secondo il tempo che aveva appreso con esattezza dai Magi.
Allora si compì ciò che era stato detto per mezzo del profeta Geremìa:
«Un grido è stato udito in Rama,
un pianto e un lamento grande:
Rachele piange i suoi figli
e non vuole essere consolata,
perché non sono più».

Dopo Stefano, i neonati di Betlemme: la Chiesa non ha paura di togliere la patina di melassa con cui abbiamo rovinato il Natale per riportarci alla drammaticità di un mondo che rifiuta Dio e i suoi prediletti: i bambini.

È tinto di sangue, il Natale che abbiamo riempito di luci soffuse. Quello dei bambini di Betlemme, dai due anni in giù, specifica Matteo, uccisi dal folle Erode per proteggere il bambino Gesù, indicato dai Magi come re d'Israele. Racconto raccapricciante, eppure tanto più credibile, ripercorrendo il profilo storico del tiranno Erode, sanguinario, irruento, che ha fatto uccidere i suoi figli sospettati di tradimento. Certo, forse vi è anche un'allusione all'uccisione dei neonati maschi del popolo ebraico da parte di Faraone, per mettere in parallelo la vita di Gesù con quella di Mosé. Tant'è: l'uccisione dei bambini diventa l'icona, il paradigma di tutti bambini uccisi dai violenti di ieri e di oggi. I bambini sfiniti di dissenteria, che non ricevono alcun vaccino e i sali minerali (spesa pro capite: due dollari a testa, dice l'UNICEF), che sono venduti al mercato del lavoro, ad assemblare per un dollaro al giorno i giocattoli dei nostri figli o, peggio, venduti al mercato del sesso a persone orribili (occidentali!) che pensano di poter comprare l'innocenza col denaro. Per tutti loro, oggi, la Chiesa celebra il martirio dei bambini di Betlemme, per richiamare il nostro scipito Natale all'essenziale.


Gazzetta Web