GazzettaWeb.info
COLLABORA
corsi
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

HO SCOPERTO LA PUPPATO

Scritto da redazione il 28/11/2012


HO SCOPERTO LA PUPPATO

Si, è avvenuto solo questa mattina, ore 5,00 su LA7, a primarie ultimate e ballottaggio da celebrare. Peccato, averla conosciuta prima, avrei speso meglio il mio voto.
Persona interessante, anche una bella donna, pacata e chiara, non parla il politichese, e parla di altre cose. Cose su cui non riflettiamo perché costretti, così come ci costringono, a vivere e combattere il quotidiano.
Cose futuribili direbbe qualcuno (green economy, economia dei beni comuni, ecc.), certamente, visti i ritardi accumulati, ma verso le quali va rivolta la barra altrimenti non si esce dal pantano.
Non vado a votare al ballottaggio, non è in gara una Puppato, ma solo uno che è poco di sinistra e l’altro che è troppo di destra.
Perché Puppato? Perché è facile legare la cosa alla sorte delle 30.000 firme raccolte per proporre al Consiglio regionale pugliese la Legge 50&50. Non è passata, bocciata a scrutinio segreto, manco fosse messa in gioco la coscienza degli eletti, tipo sull’aborto, divorzio, morte dolce, ecc.
La Puppato alle primarie del PD si è attestata fra il 2 - 3%, eppure di donne in fila a votare ne abbiamo viste tante.
Le donne devono votare “donna” a prescindere, hanno numeri, forza e capacità di prendersi il 50 ed anche il 51 (ben venga!). Non devono aspettare sdoganamenti, né che si allarghino le maglie del recinto delle riserve in cui si sentono costrette.
Un’occasione mancata quella della Legge 50&50, ed una plateale ed universale figura di m… del Consiglio regionale pugliese che non sento più mio.
Possiamo sopportare tutto: politiche economiche sbagliate, stato sociale scadente, lauti guadagni e ruberie, ma sul senso di civiltà, anche a costo zero, no.
Mi auguro che il Presidente Vendola si dimetta per il grande affronto perpetrato dal Consiglio nei confronti delle donne e degli uomini pugliesi, così da mandare a casa gli “struzzi” che avevano già messo in conto di ricandidarsi alle prossime regionali.
Raffaele de Seneen


Gazzetta Web