GazzettaWeb.info
COLLABORA
corsi
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

I FRANCOPROVENZALI DI PUGLIA CHI SONO?

Scritto da redazione il 18/10/2012


I FRANCOPROVENZALI DI PUGLIA CHI SONO?

ANNO 2012 CICLO DI CINQUE INCONTRI
INIZIO MERCOLEDI 3 OTTOBRE
DALLE ORE 17.00 ALLE ORE 19.00
PRESSO LA SEDE EX FERGAT, VIA F. MILLIO, 20 SALA CONGRESSI
MERCOLEDI 3 OTTOBRE
Un saluto dall'Assessore alla Cultura Prof. Ugo Perone della Provincia di Torino.
Relatori Dott. Francesco Candido < Le minoranze linguistiche. >
Prof. Vito Tangi <Ultimi anni dei Francoprovenzali a Napoli (arrivo degli Albanesi e Ungari)>
MERCOLEDI 10 OTTOBRE
Relatore Dott.ssa Teresa Geninatti < Letteratura Francoprovenzale e lingua in Piemonte. >
MERCOLEDI 17 OTTOBRE
Relatori Dott. Aldo Pavia <Storia e Cultura Francoprovenzale di Faeto e Celle di San Vito.>
Antonio Gioseffi Vicepesidente Vatra Arbëreshë <Cultura,Esperienze,dell'Associazione Vatra
Arbëreshë in Piemonte.>
MERCOLEDI 24 OTTOBRE
Relatori Dott.ssa Valentina Porcellana, Enzo Vayr, Giovanni Ponte, Piero Casarin
< Storie di emigrazioni da una Comunità Francoprovenzale. >
MERCOLEDI 31 OTTOBRE
Relatore Dott. Matteo Rivoira < Lingua e letteratura Occitana, al di qua delle Alpi. >
Il Presidente dell’Associazione Silvano Tangi, illustrerà gli avvenimenti salienti dell’anno
trascorso, in lingua minoritaria con foto, filmati, e letture di poesie in lingua madre dagli autori.
(con il patrocinio della Provincia di Torino.
Legge Regionale 26/90 e 37/97 per la tutela e valorizzazione del patrimonio linguistico)
La partecipazione è gratuita. Per informazioni tel 011.3141043 e-mail silvanotangi@libero.it
Siti internet con notizie
www.comune.celledisanvito.fg.it www.provincia.torino.it/cultura/minoranze /index.htm
www.telecattolica.it www.cesdomeo.it/archivio.asp?fileType=1 www.celledisanvito.com
Su Facebook: Associazione Culturale Francoprovenzale di Puglia in Piemonte: Silvano Tangi e Casapuglia Piemonte
Piemonte, l´enclave franco-provenzale di Celle di San Vito e Faeto
Una piccola enclave in Piemonte che conserva e custodisce
la lingua franco-provenzale parlata a Celle di San Vito
e Faeto. Una comunità di circa 3mila persone tutte
discendenti da famiglie provenienti dall´isola linguistica del
Subappennino Dauno, che nel torinese hanno trovato dei
´fratelli´ di lingua, tradizioni e costumi franco-provenzali.
Anche per questo, da dieci anni l´Associazione Culturale Franco-provenzale di
Puglia in Piemonte organizza un ciclo di incontri in cui esperti di minoranze
linguistiche “illustrano le ultime novità in fatto di ricerca, pubblicazioni e documenti sui
franco-provenzali in genere, ma con un´attenzione particolare alle minoranze
linguistiche della Capitanata” spiega Silvano Tangi, presidente dell´associazione e
natio di Celle di San Vito.
E proprio l´associazione presieduta da Tangi è diventata negli anni un punto di
riferimento importante in Piemonte per quel che riguarda la tutela e la salvaguardia
delle lingue minoritarie, visto che nella regione oltre al Franco-provenzale si parlano
correntemente anche le lingue dell´Occitano e del Francese. E proprio sulla
conservazione dei dialetti si basa gran parte dell´attività culturale promossa dalla
Provincia di Torino: “Ogni mese – aggiunge Tangi – a Torino si svolge la festa de ´I
dialetti raccontano il Borgo Medioevale´, la cui attività di animazione viene
affidata, a rotazione, alle comunità delle varie regioni presenti in Piemonte. E sabato 22 e domenica 23 ottobre – rileva Tangi – sarà la volta della Puglia. E come associazione Franco-provenzale avremo un ruolo importante attraverso canti, testimonianze, presentazioni libri e costumi tradizionali”.
Inoltre, l´8 dicembre a Torino, presso la parrocchia Natale del Signore, “tutta la comunità franco-provenzale pugliese si incontra per scambiarsi gli auguri di Natale, per vivere un momento insieme all´insegna di recite e canzoni in lingua.
Infine, da quattro anni, è stato istituito il Premio Leonarda Tangi che - conclude il presidente dell´ACFP
– viene assegnato ad una personalità del territorio che si è distinta nel campo della tutela e salvaguardia delle lingue minoritarie”.
Emiliano Moccia


Gazzetta Web