GazzettaWeb.info
COLLABORA
corsi
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

IL CENTENARIO DEL PRIMO CONFLITTO MONDIALE

Scritto da Antonietta Zangardi il 21/5/2015


IL CENTENARIO DEL PRIMO CONFLITTO MONDIALE

IL CENTENARIO DEL PRIMO CONFLITTO MONDIALE
di Antonietta Zangardi

Domenica 24 maggio ricorre il Centenario dell’entrata in guerra dell’Italia nel Primo Conflitto Mondiale ( 24 maggio 1915 – 24 maggio 2015).
L’Italia entrò, a fianco della Francia e della Germania, in una guerra già iniziata l’anno prima e che si sperava di liquidare in pochi mesi.
Sarebbe, invece durata fino al 4 novembre 1918.
Era una quarta guerra d’Indipendenza perché bisognava riappropriarsi dei territori irredenti. Si inneggiò alla guerra, al combattimento, all’orgoglio nazionale e ad una ambita vittoria.
I nostri bisnonni partirono per il fronte con un pugno di fichi secchi in tasca, male equipaggiati e male armati.
Abituati al sole del Sud, sopportarono i rigidi inverni delle montagne. Combatterono e in 650.000 morirono per la loro Patria.

La prima guerra mondiale fu un evento di indiscussa drammaticità e importanza per la nostra storia anche se, al termine del conflitto gran parte degli intellettuali del tempo, che in principio la sostennero, non esitarono a cambiare idea dopo averne vissuto, alcuni in prima persona, i devastanti esiti.

Allegato:


Il Centro Studi Territoriale di Poggio Imperiale, Simposio culturale, mercoledì 27 alle ore 19 nei locali della Sala Multifunzionale in Via Oberdan, presenterà una Conferenza sul “Centenario della Grande Guerra, dal maggio radioso alla guerra di trincea” con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale e la collaborazione delle Edizioni del Poggio e dell’Avis Comunale.

Allegato:


Si ricorderanno i caduti di Poggio Imperiale e si presenteranno al pubblico tutti i protagonisti del conflitto, i Generali e i loro errori strategici, i Fanti – contadini, eroi dimenticati, la mobilitazione delle donne che sostituirono gli uomini in ogni attività, poeti ed intellettuali che plaudirono alla guerra ma che non tutti andarono a combattere.
Sarà presentata al pubblico solo la sintesi di uno studio che, in maniera più approfondita è già riposto nell’Archivio del Centro Studi.

Allegato:


Il tutto, insieme al materiale delle precedenti conferenze, potrà confluire in una pubblicazione finale.    
        


Gazzetta Web