GazzettaWeb.info
COLLABORA
corsi
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

IL CINE-TEATRO COMUNALE TORNA A NUOVO SPLENDORE

Scritto da redazione il 9/10/2011


IL CINE-TEATRO COMUNALE TORNA A NUOVO SPLENDORE

TROIA
IL CINE-TEATRO COMUNALE TORNA A NUOVO SPLENDORE

L’inaugurazione martedì 11 ottobre 2011, alle ore 18.30. La Comunità troiana si riappropria di un contenitore culturale di pregevole fattura

Martedì 11 ottobre 2011, alle ore 18.30, l’attesa inaugurazione del ‘Pidocchietto’, evento importante per l’intera Comunità troiana che si riappropria di un contenitore culturale di pregevole fattura.
I lavori di recupero funzionale del cinema - teatro ex Convento di S. Francesco consegnano alla città preappenninica una sala polifunzionale con 98 posti a sedere, di cui la maggior parte in platea e la restante in galleria, disposti su circa 3.000 mq posti su due livelli. I locali dell’ex-convento, di proprietà comunale, potranno essere un vero e proprio polo capace di ospitare non solo l’auditorium posto all’interno della struttura conventuale, idoneo per la convegnistica con annessa sala espositiva, ma anche un Centro di Promozione Culturale e Servizi Turistici, la Biblioteca comunale, l’Archivio storico, ambienti per esposizione e degustazione di prodotti tipici locali, una dimora storica.
Per l’inaugurazione interverranno, tra gli altri, l’assessore regionale al Mediterraneo, Cultura e Turismo, Silvia Godelli e il consigliere regionale Giannicola De Leonardis. A fare gli onori di casa il sindaco Edoardo Beccia e l’assessore alla Cultura, Renato Ciccarelli.
Prevista una rappresentazione teatrale dal titolo ‘Per grazia ricevuta’ tableaux vivants dell’opera di Michelangelo Merisi di Caravaggio, a cura di ‘Teatri 35’, con Guido Coccia, Francesco O. De Santis, Antonella Parrella.
L’intervento musicale del maestro Antonio Di Dedda contribuirà ad arricchire la manifestazione che si concluderà con la proiezione del film ‘Nuovo Cinema Paradiso’ film del 1988 scritto e diretto da Giuseppe Tornatore, Oscar 1989 per il film straniero e 2° premio a Cannes.


Gazzetta Web