GazzettaWeb.info
COLLABORA
corsi
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

IL TEATRO A POGGIO IMPERIALE

Scritto da redazione il 9/2/2015


IL TEATRO A POGGIO IMPERIALE

Chi dice che a Poggio Imperiale non c’è nulla, si sbaglia. Perché Poggio Imperiale è il paese del buon cibo, della buona musica, del buon clima, ma anche un paese ricco di artisti con la A maiuscola.
Nei giorni 7 e 8 febbraio, presso la palestra comunale delle scuole elementari, si è messa in scena Napoli Milionaria, commedia di Eduardo De Filippo, grazie ad alcuni nostri compaesani che si sono dilettati e distinti, con i loro talenti, ad interpretare ruoli importanti, drammatici e comici allo stesso tempo.
Persone comuni, che hanno impiegato il loro tempo libero per dedicarlo a uno spettacolo a dir poco sorprendente. Gente con impegni lavorativi - un operaio, un muratore, un gommista, mamme, casalinghe - che in tre mesi ha messo su una commedia travolgente; improvvisati costumisti, scenografi e presentatori, sono tutti accomunati dallo stesso obiettivo, la passione per il Teatro.

Allegato:


Non è stato semplice interpretare il grande Eduardo De Filippo, nella commedia Don Gennaro, ma il protagonista assoluto Mimmo Romano, ha saputo rendere al meglio la sua parte, interpretandolo al massimo delle sue potenzialità; per non parlare della moglie Donna Amalia, interpretata da Concetta Abbatantuoni, donna determinata e dal forte carisma.
Uno spettacolo che ha portato in sala quasi 300 persone, un pubblico attento a ridere nel momento di comicità e ad emozionarsi nel momento drammatico della scena.
Una commedia con un grande messaggio finale, poiché si svolge nella seconda guerra mondiale, tempo in cui mancavano cibo e medicine, tempo in cui le persone erano più umili ed erano felici con poco, tempo in cui i valori e i rapporti erano più veri, tempo in cui non vi era invidia e cattiveria e la gente povera aiutava il meno fortunato, nel momento di bisogno e si tendevano la mano l’un con l’altro.
Soddisfatti gli attori per aver emozionato e fatto trascorrere una serata spensierata ai loro compaesani e non solo, poiché vi è stata molto affluenza di gente dei paesi limitrofi.
Voglio ricordare il grande Eduardo con una delle sue frasi:
“ A vita è tosta e nisciun' t'aiuta. O meglio c'sta chi t'aiuta, ma una volta sola.. pè putè di': "T'aggio aiutato”.
Scritto da: Stefania Cristino



    


Gazzetta Web