GazzettaWeb.info
COLLABORA
corsi
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

Il morto… che non c’è !

Scritto da redazione il 26/2/2012


Il morto… che non c’è !

Sapevamo già di questa storia, ma non si immaginava, vista l’eccezionalità e la portata, che non ci sarebbe stata né risposta, né, tanto meno, soluzione.

Questi i luoghi e i fatti. Cimitero di Foggia, 2 dicembre 2011, per grossi lavori da svolgersi nella I^ Cappella della Confraternita Madonna della Croce, alcuni congiunti seguono l’operazione di recupero delle bare dai rispettivi loculi, nonni paterni e nonni materni, svuotamento delle stesse e ricomposizione dei resti in apposite cassette da riporre in altri piccoli loculi acquistati per la bisogna.

Tutto si svolge regolarmente, finché all’apertura del quarto loculo, nonostante approfondita ispezione, questo risulta vuoto. Avrebbe dovuto contenere i resti della nonna materna, già a suo tempo sfossati, ricomposti e deposti in una cassetta. Tolta la lapide, sul cemento sottostante si legge ancora il nome della defunta graffiato nel cemento.
Non c’è errore.

Tralasciamo tutte le umane sensazioni dei congiunti: incredulità, rabbia, meraviglia e sconforto, e arriviamo ad un’istanza di chiarimento presentata da un congiunto al Sindaco di Foggia, seguita poi da una sollecitazione di un legale di parte, entrambe senza riscontro.

L’amico che ci rammenta l’increscioso fatto, ci ricorda che la “cassetta” della nonna è andata smarrita, che si trovano proprietari di un piccolo loculo inutilizzabile e che restano in attesa di una risposta risolutiva.

Vogliamo ricordare che non molti giorni fa, forse si trattava della stessa cappella soggetta a ristrutturazione, giornali e TV locali, singoli cittadini, elevarono vibrate e preoccupate rimostranze per assi di bare (vuote) che erano state accantonate dentro, o nelle prossimità, di contenitori d’immondizia, in attesa, spiegò poi l’assessore al ramo, di quanto necessario a far intervenire idonea ditta per lo smaltimento di quel tipo di rifiuti.

Nel caso esposto non c’è da attendere ditta di sorta.

Gli Amici della Domenica

infocontatto: amicidelladomenica@gmail.com


Gazzetta Web