GazzettaWeb.info
COLLABORA
corsi
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

In vacanza a Termoli tra storia e natura

Scritto da redazione il 31/7/2011


In vacanza a Termoli tra storia e natura

Siamo giunti a fine Luglio. Molti hanno già fatto le loro vacanze, in viaggio o al mare. Altri stanno per partire, e si apprestano a fare le valigie. Spesso non si sa scegliere tra itinerari culturali, spiaggia o monti. Per una vacanza in grado di coniugare natura e storia del territorio è consigliabile il soggiorno estivo nel borgo medioevale di Termoli. Il mare della Spiaggia di S. Antonio è limpido e trasparente; il sole scotta la pelle; il litorale è lungo e spazioso, abitato da lidi diversi che si rincorrono per la riviera verso Vasto e il faro di Punta Penna, perfettamente di fronte al faro termolese. La città è molto antica, ma fu proprio Federico II a costruire le mura di cinta e a migliorare la struttura del Castello fortificato, che aveva lo scopo di difendere il borgo dagli attacchi dei Turchi provenienti dal mare. Tutto il borgo è, difatti, concepito come una poderosa opera di salvaguardia del nucleo architettonico, entro il quale, come sempre accade nella struttura di pietra dei borghi medioevali, si estende la zona abitata, tra la Cattedrale e il Castello, oggi sede dell’Aeronautica Militare, ma visitabile, almeno in parte, anche perché adibito a luogo di visita di mostre di pittura contemporanea. La città di Termoli fuori le mura fu edificata solo nel 1800 da Ferdinando di Borbone. Attraversata dal corso, ricco di negozi e bar, la Termoli nuova costituisce un richiamo importantissimo per il turista che vuole fare spese, passeggiare o sostare in Piazza per un gelato. Il Corso conduce fino alla Stazione, passando per Piazza Vittorio Veneto. Scendendo verso il lungomare si giunge invece a Piazza S. Antonio, dove ha sede la Galleria Civica che ospita una Mostra di Arte Contemporanea. La piazza è sempre arricchita da mercatini enogastronomici o artigianali, che consentono un bel passatempo a chiunque abbia voglia di visitarli e fare acquisti e pensierini per parenti e amici rimasti in città. Una assoluta novità, all’interno del borgo medioevale, è costituita dalla Residenza Sveva, un bed and breakfast concepito come albergo diffuso, che utilizza molte strutture anticamente abitate dal popolo ma anche dai personaggi famosi e dai re che, nel corso della storia, si sono avvicendati sul suolo termolese, sostandovi durante i viaggi, o utilizzandole come abituali residenze. Le camere sono confortevoli, dotate di climatizzatori, tv, servizi in camera. Tutte arredate con mobili belli e colorati. E ristrutturate. I prezzi sono modici. La soluzione del bed and breakfast concede inoltre, al turista, la facoltà di provare ristoranti e pizzerie del borgo, dove si possono gustare pietanze tipiche della cucina di mare, e pesce fresco di giornata. Da segnalare sono i ristoranti Dentro Le Mura, Federico II, Zi Bass, La Sacrestia (che è anche pizzeria). Un ottimo pesce si mangia alla Torre, sul lungomare tra Termoli e Vasto. Per una pizza eccellente, invece, è bene recarsi da Sognadoro, dove si potrà gustare quella alle cicorielle di campagna, una vera delizia della cucina meridionale.
Antonietta Pistone


Gazzetta Web