GazzettaWeb.info
COLLABORA
corsi
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

Kate e William hanno detto sì

Scritto da redazione il 1/5/2011


Kate e William hanno detto sì

Guardate come sono belli i duchi di Inghilterra, forse un giorno eredi del titolo reale della corona di Elisabetta. William è il figlio di Carlo, e chi non lo sa. Chi non conosce la storia tormentata della principessa triste Diana e del suo principe sbagliato; dei tradimenti, degli errori reciproci, del ritorno di Carlo con la sua ex compagna Camilla, e della disperata fine di Diana col suo amante Dodi. Il 29 Aprile la telecamere di tutto il mondo sono state puntate per l’intera giornata sui grandi schermi della dinastia inglese; sui volti dei nobili invitati al banchetto, della Regina Madre Elisabetta, apparsa composta e classica nel suo abito giallo. Alcuni non c’erano perché si sa ormai anche i reali vengono travolti dallo scandalo e non sta bene che ufficialmente si compaia in pubblico dopo aver tradito gli uomini e l’etichetta. Le foto della cerimonia sono tutte accattivanti; gli sposi giovani e innamorati sono persi l’uno nell’altra; lo si vede da come si guardano, dalla vicinanza dei corpi e dal cercarsi sempre le labbra dell’uno a rincorrere quelle dell’altro. I baci sono spontanei, non richiesti dalla forma e dall’immagine della cerimonia. E la gente applaude e sorride soddisfatta per questi due piccioncini che con i gesti più semplici, simili a quelli di tutti i ragazzi della loro età, si dimostrano l’amore reciproco. È la storia che rende l’evento eccezionale e smisurato nelle sue proporzioni propagandistiche, che fa passare in secondo piano persino l’emorragia cerebrale del giornalista Lamberto Sposini, operato d’urgenza e in condizioni assai critiche, perché colto da malore qualche minuto prima di andare in onda. Ma è il mondo che vuole la favola. Tra guerre, violenze, crimini contro l’umanità, la gente allo sbando cerca consolazione nei sentimenti veri. L’amore può esistere ancora. Deve esistere ancora. E non può che essere così. Ecco perché si resta ore a guardare le foto pubblicate online dai giornali, o ci si incolla alla tv che ti segue ovunque, anche in palestra o al bar, e che ti propone sempre le stesse immagini, che si susseguono veloci e uguali, e gli stessi commenti per l’intera giornata. Ed il sogno, infatti, dura un giorno. Da stamattina i giornali titolano delle maledette intenzioni di Gheddafi di attaccare l’Italia che con i suoi missili ha tradito le promesse di amicizia di qualche tempo fa del nostro Premier. Che dire…beati oggi Kate e William. Da domani lo sarà anche Papa Giovanni Paolo II. Lui, probabilmente, diventerà poi anche Santo, come il nostro tanto amato Padre Pio. Loro due lo diventeranno se sapranno amarsi incondizionatamente e santamente nella loro unione sponsale. E noi glielo auguriamo di tutto cuore.
Antonietta Pistone


Gazzetta Web