GazzettaWeb.info
COLLABORA
corsi
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

LETTERA APERTA A UN IMBECILLE !

Scritto da redazione il 1/1/2012


LETTERA APERTA A UN IMBECILLE !

Pubblichiamo lo sfogo di una madre, ferita da un petardo, mentre tornava a casa dopo aver festeggiato in famiglia l'arrivo del Nuovo Anno

CARO "AMICO" IMBECILLE, perchè non so definirti diversamente;
Sono una mamma che ieri notte, con la sua famiglia, attraversava Piazza Cattedrale per far ritorno a casa alle 2,00 di notte, in mezzo a tanta gente la notte di capodanno. Avevo con me due bimbi piccoli e mio marito. Una famigliola serena e innocua.

Senza porti alcun problema, mi hai gettato a pochi metri una di quelle belle e potenti bombe carta che spari con tanto orgoglio insieme con i tuoi amici. Ti ha divertito molto la cosa, vero?
Solo che a noi non ha divertito affatto, visto che mi hai ferito, perchè quello con cui giocavi era un vero e proprio ordigno e poteva colpire il mio bambino, poiché la scheggia è arrivata all'altezza dei suoi occhi. Ma questo a te non preoccupa assolutamente. Basta fare chiasso, buttare confusione, poco importa se si fa male agli altri, anche gravemente. E se avessero colpito te? Come ti saresti sentito?

E cosa dovrei dire a quell'altro "eroico" individuo, chissà, forse tuo amico, vistosamente brillo e con una bottiglia in mano, che vedendoci confusi e disorientati per l'accaduto ha pensato bene di aggredire un padre di famiglia con in braccio un bambino di neanche tre anni, sentendosi ingiustamente accusato per la vigliaccata che hai commesso tu?

Bravi ragazzi, continuate così! Vi state costruendo un futuro radioso in questa città.

Faccio parte insieme con mio marito, del gruppo Amici della domenica. Insieme con tanti altri cittadini stiamo cercando di ri-costruire con molta fatica il senso civico in questa città, sempre più violenta, sempre più prepotente e menefreghista.
Sono atti vigliacchi come quelli che avete compiuto voi l'altra sera che fanno piombare pesantemente Foggia all'ultimo posto delle classifiche per gli atti violenti e la pessima qualità della vita.

Abbiamo deciso di scrivere una lettera aperta perché crediamo sia ora di dire basta a questi episodi di quotidiana normale follia per la nostra città. E’ il caso simbolo di centinaia di altri episodi simili che avvelenano Foggia.

Abbiamo voluto far uscire quest’episodio dalla rabbia del privato per farlo diventare di pubblica condivisione per pungolare le Istituzioni a vigilare sul territorio a garantire una civile convivenza.

Cari IMBECILLI, spero riusciate a leggere questa nostra lettera e che possiate rendervi conto della stupidità dei vostri atti violenti, che offendono tutta una comunità e che mettono a repentaglio prima di tutto IL VOSTRO FUTURO.

Ci aspettiamo le vostre scuse, per il tramite della bacheca del gruppo.

Crediamo sia sperare troppo?, ma per noi del GADD la speranza del “S POT FA “ è il faro che ci ha guidato e che continuerà a guidarci.

Un caro saluto, una mamma nel Gruppo Amici della Domenica.

infocontatto: amicidelladomenica@gmail.com



Gazzetta Web