GazzettaWeb.info
COLLABORA
corsi
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

Le Bigotte in rete

Scritto da redazione il 4/6/2012


Le Bigotte in rete

Inizia una nuova avventura per il Comitato Arcigay Foggia “Le Bigotte”. Dopo un lavoro intenso che ha visto crescere la nostra associazione da comitato promotore a comitato effettivo presso la sede del circolo “Rosa Luxemberg” di Foggia, ecco che ci prepariamo, conclusasi l’esperienza presso il medesimo, a riprendere i nostri appuntamenti settimanali presso la sede dell’associazione “Donne in Rete” di via Perrone a Foggia il prossimo giovedì, 7 giugno, alle ore 20,30.Ringrazio, ovviamente, Beppe di Brisco e Franco Di Cesare e tutti gli altri membri del “Rosa Luxemberg” per aver gentilmente messo a disposizione, gratuitamente e con ampia libertà di azione la loro sede. Grazie a questo spazio di manovra abbiamo convogliato tante persone, donne e uomini, ragazze e ragazzi, che si sono avvicinati a noi per curiosità o per volontà di seguire il nostro percorso di diffusione dei temi della convivenza, della tolleranza, della conoscenza e affermazione dei diritti trasversali nel nome della grande causa di laicità del nostro Stato.Ora si riprende, dopo una pausa di quindici giorni e dopo i tanti eventi legati all’omofobia, alla esposizione delle contestate bandiere di arcigay sulla facciata di Comune e Provincia, dopo aver dialogato con Ivan Cotroneo, dopo aver organizzato un interessantissimo convegno sulla “omoaffettività” alla presenza di Magistrati, Professori universitari e del Responsabile giuridico Nazionale di Arcigay.

        Arcigay Foggia ricomincia in un periodo economicamente denso di preoccupazioni e difficoltà per il mondo associativo, con la consapevolezza che Foggia in questi mesi è cresciuta affrontando i temi vicini alla comunità lgbt, ma nella certezza che il tutto potrà continuare se voi continuerete a manifestare l’attenzione e la volontà di dialogo che hanno accompagnato il proficuo lavoro di questi mesi.

        In qualità di Presidente intendo ringraziare tutti gli organi di informazione locale che ci hanno sempre supportato e seguito le nostre vicende e inevitabilmente mi vengono in mente persone come Antonella Soccio e Francesco Bellizzi per citare i più presenti. Ringrazio anche chi ci segue con diffidenza e quella stampa timida che proprio non riesce a sciogliersi, perché in quell’attività colgo il giusto momento di riflessione per correggere il tiro, per fermarmi e riflettere sul lavoro da intraprendere nel futuro. Ringrazio persone come la dott.ssa Tiziana Carella, psicoterapeuta, che ha messo a disposizione il suo tempo gratuitamente per attivare lo sportello psicologico, i genitori dell’associazione Agedo che sono presenti a testimoniare la loro voglia di essere sempre più pronti ad una seconda genitorialità. Ringrazio il dott. Benvenuto Grisorio, responsabile del reparto di Malattie infettive emergenti degli Ospedali Riuniti di Foggia per averci consentito di intavolare i temi della discussione e della prevenzione sui temi delle malattie sessualmente trasmissibili. Ringrazio tutti coloro che hanno permesso la realizzazione delle tante attività legate all’omofobia: magistrati, librerie specializzate e non. Ringrazio Salvatore D’Alessio per essere stato sempre prodigo di consigli nella realizzazione di eventi culturali e per la sua presenza e disponibilità. Un particolare grazie ad un grande professionista come    Tony di Corcia che con eccezionali moderazioni ci ha consentito di realizzare incontri degni di essere ricordati. Poi ci sono le persone singole che vorrei citare ma temo di dimenticarne qualcuna e allora dico a loro grazie per supportarci in tutte le nostre iniziative.

        Vorrei ringraziare la politica locale ma non posso farlo visto che i partiti della sinistra e della destra foggiana sono completamente latitanti ad ogni nostra iniziativa. Se facciamo eccezione per alcune persone che partecipano a titolo personale non c’è stato nessun segnale anche da chi ti saresti aspettato una presenza … ma non è polemica, anzi. Servirà a questo Comitato per domandarsi come mai i temi della laicità siano così difficili da essere discussi lontano da eventi clamorosi o pubblicitari o di propaganda elettorale e forse saremo pronti lì a ricordarlo in occasione di promesse elettorali in tal senso.

        In tal senso posso però invece ringraziare il nostro Sindaco, ing. Gianni Mongelli, perché ha sempre mostrato disponibilità nei confronti delle nostre iniziative, dimostrando uno spirito di dialogo che altri non hanno avuto e intendo anche ringraziare la Consigliera Provinciale di parità, Antonietta Colasanto, per aver cercato un confronto anche superando impatti forti dovuti a vivaci confronti con il sottoscritto. Infine, grazie alle splendide persone che ci ringraziano per aver trovato un nuovo modo di vedere, riflettere, condividere... grazie al rapporto con loro stiamo crescendo tutti anche chi, come me, non ha più l'età per dover ancora auspicare una crescita.
        E allora si riparte, lo facciamo da una grande associazione delle donne (e int al senso le ringraziamo tutte per la loro preziosa ospitalità partendo dalla presidentessa Rita Saraò), per riprendere il filo del nostro impegno e ribadendo che il nostro definirci “bigotte” ci impone di essere sempre controcorrenti, di non andare alla ricerca del caos o del clamore ma di rappresentare, come finora, il punto di riferimento di tutti coloro che vorranno, senza confini o orizzonti di pensiero o di vedute.


Gazzetta Web