GazzettaWeb.info
COLLABORA
corsi
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

Omaggio a ERMINIO MACARIO

Scritto da redazione il 18/10/2010


Omaggio a ERMINIO MACARIO

Erminio MACARIO, noto attore torinese di rivista e di cinema, nato a Torino Il 27 maggio 1902
e morto a Torino il 26 marzo 1980, iniziò la carriera giovanissimo, apprendendo l’arte mimica grazie alle sue rilevanti doti sceniche Dopo qualche anno fu al fianco del’allora famosa soubrette Isa BLUETTE.
Nel 1930 ebbe la sua prima compagnia; nel 1937 incontrò    la soubrette Wanda OSIRIS con la quale costituì un duo di grande successo.
Il teatro di rivista, meglio conosciuto come genere di spettacolo leggero, in Italia conobbe il suo periodo di più grande splendore tra la fine degli anni 30’ e la metà degli anni 50’ del secolo scorso, fino alla grande affermazione della commedia musicale.
I maggiori rappresentanti di questo genere furono: Ettore Petrolini, Erminio Macario,Totò, Carlo Dapporto, Renato Rascel, Gino Bramieri ed altri.
Nel periodo della II    Guerra Mondiale, il teatro di rivista rappresentava un modo di sognare e per distogliere il pensiero dalle crudeltà della guerra.
Dopo l’era della grande Wanda Osiris, altre soubrette lavorarono insieme a Macario: Milly, Delia Scala, Sandra Mondani, Lauretta Masiero, Giulia Dardanelli    che sposò in seconde nozze.
Macario divenne in breve tempo il più famoso protagonista della rivista italiana.

Negli anni 70’, abbandonata la rivista si dedicò al teatro di prosa, tanti    gli spettacoli, messi in scena in particolare presso il teatro Stabile di Torino.

Nel 1977 realizzò il suo sogno nel cassetto, quello di avere un suo teatro. In via Santa Teresa nel centro città     lo chiamò “La Bomboniera” e lo lo inaugurò rivisitando una commedia di Molière, dal titolo:” il medico per forza”.
Durante una replica della sua ultima fatica teatrale “ Oplà, giochiamo insieme”, colto da malore venne ricoverato in una clinica torinese.Iil 26 marzo 1980 morì all’età di 77 anni tra le braccia della sua seconda moglie, la soubrette Giulia Dardanelli.
La città di Torino, in ricordo di questo piccolo di statura ma grande uomo di spettacolo, nel trentennale della sua morte lo ha ricordato sabato 9 e domenica 10 ottobre 2010 con la riproposizione di alcuni suoi spettacoli, attraverso    filmati d’epoca presso il teatro Godetti, mentre il 3 di novembre il piazzale davanti allo stadio Olimpico verrà intitolato al grande Erminio Macario.

Scritto da: Guido CRISTIANI



Gazzetta Web