GazzettaWeb.info
COLLABORA
corsi
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

Onde gravitazionali, gli studenti del Marconi incontrano Fulvio Ricci, astrofisico dell’INFN

Scritto da antonietta pistone il 2/4/2019


Onde gravitazionali, gli studenti del Marconi incontrano Fulvio Ricci, astrofisico dell’INFN

Sabato 6 aprile, conferenza nell’ambito del Progetto Cielo

“Alla scoperta delle onde gravitazionali” è il titolo della conferenza che si terrà sabato prossimo, 6 aprile, alle ore 10.00 nell’auditorium del liceo scientifico Marconi di Foggia. Relatore d’eccezione Fulvio Ricci, astrofisico dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Un evento inserito nel Progetto Cielo, ciclo di seminari e laboratori di astronomia organizzato in collaborazione con la Società Astronomica Pugliese & The Lunar Society e l’Osservatorio Astronomico Comunale di Acquaviva delle Fonti. (Docenti referenti: Giovanni Cilfone, Rocco De Carlo, Antonella Di Adila, Antonio Milazzi)
Fulvio Ricci, professore ordinario di Fisica Sperimentale a La Sapienza di Roma, è stato responsabile italiano dell’esperimento VIRGO per l’INFN dal 2008 al 2014 e portavoce della collaborazione internazionale VIRGO dal 2014 al 2017. Opera da anni come referente di progetti internazionali nel campo della gravitazione.
L’onda gravitazionale è il nuovo messaggero dei fenomeni estremi che avvengono nel nostro Universo. L’osservazione diretta delle onde gravitazionali apre un nuovo capitolo della fisica della gravitazione e dell’astronomia. La prima rivelazione diretta di un segnale, emessa dalla fusione di due buchi neri, si è avuta nel 2015. “Alla scoperta delle onde gravitazionali” è anche il titolo di una recente pubblicazione di Fulvio Ricci (Edizioni Dedalo) che ripercorre proprio la caccia al primo segnale delle onde gravitazionali, intrecciando il racconto storico, ricco di aneddoti, con approfondimenti concettuali su questa grande scoperta scientifica che è valsa il Premio Nobel per la Fisica 2017 a tre scienziati statunitensi ma che in realtà – come racconta Ricci – è il frutto di un grande sforzo corale durato decenni.


Gazzetta Web