GazzettaWeb.info
COLLABORA
corsi
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

PICCOLA NOTERELLA SULL’ANTOLOGIA CULTURALE BICCARESE

Scritto da redazione il 8/1/2014


PICCOLA NOTERELLA SULL’ANTOLOGIA CULTURALE BICCARESE

PICCOLA NOTERELLA SULL’ANTOLOGIA CULTURALE BICCARESE V edizione – seconda serie – 2013
di Antonio Marucci

Ho assistito il 5 scorso    alla magnifica serata conclusiva dell’anno culturale 2013 biccarese    con tanta ansietà dovuta anche a problemi personali. Nell’occasione sono stati distribuiti ai numerosi autori presenti, soprattutto poeti, copie del volume riassuntivo di tutta l’attività dell’Associazione “Terra di mezzo” personalizzate con DVD delle serate delle rispettive partecipazioni. Un encomio va indubbiamente fatto al direttore, nonché presidente della lodevole Associazione culturale, Giuseppe Osvaldo Lucera, non solo per la qualificata competenza nel condurre con sapienza ogni evento, quanto per il mastodontico gravoso lavoro svolto: starei per dire quasi in solitario e di gomito (ne so qualcosa) se non con l’aiuto di (come dice lui) zio Gennaro, ovvero Gennaro Lucera e dell’amministrazione comunale, in particolare, nella persona del giovane sindaco Gianfilippo Mignogna, e di qualche particolare consiglio avuto da competenti amici che gli stanno attorno e che non è il caso fare i nomi in questa occasione a comprova del proverbio che recita “un pastore senza gregge, che pastore è!”. Bravi gli operatori culturali che chiamerei anche operatori di pace: grazie ancora.
Ho notato anche che la chitarra è di buon auspicio alla terra del Sud, cioè di mezzo, un sentito ringraziamento anche ai valenti musicisti che hanno saputo far vibrare con passione le corde dello strumento (Zerrilli, De Santis, Frisi …..Coscia!). Grazie giovani chitarristi per le vostre esibizioni, frutto di costanti e laboriosi impegni di studio. Grazie! Per    aver fatto vibrare ed emozionare le corde dei nostri cuori. Continuate su questa strada.
Ora un consiglio per tutti noi e gli interpreti ineccepibili della serata: meno enfasi nel fare le cose. Come ben si sa, la calma è la virtù dei forti e dei …sapienti.
In chiusura mi corre l’obbligo di ringraziare anche chi è venuto da fuori (Foggia, Castelluccio Valmaggiore, Troia, Roseto Valfortore) con l’auspicio che nella prossima edizione la colonia dei non biccaresi si faccia più numerosa. Ripeto all’ossessione grazie al presidente, grazie a tutta l’organizzazione, grazie ai partecipanti e appuntamento al prossimo anno con l’augurio di dare sempre il meglio di ognuno di noi.
Scritto da: Antonio Marucci


Gazzetta Web