GazzettaWeb.info
COLLABORA
corsi
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

Presentazione del libro "il respiro della memoria"

Scritto da redazione il 20/8/2014


Presentazione del libro

E … sette!
Giacomo Fina è giunto al suo settimo libro; anche quest’anno    non ha deluso le attese e, puntualmente, in agosto, ha presentato il suo ultimo lavoro:una nuova raccolta di poesie accompagnata da alcuni brani di prosa.
“Il respiro della memoria e altre storie”, questo il titolo dell’ultima fatica dell’Autore, pubblicato dalle “Edizioni del Poggio”, la Casa Editrice del Dott. Giuseppe Tozzi di Poggio Imperiale, che si va sempre più affermando, soprattutto per il    suo “Premio Letterario” giunto quest’anno alla sua VI Edizione.
La presentazione si è svolta a Poggio Imperiale il giorno 13 agosto 2014, alle ore 19,30, presso i locali della Scuola Elementare, in via Oberdan.
Le letture poetiche di Fabio Gemo, attore e regista teatrale, hanno nell’occasione appassionato gli intervenuti,    mettendo in risalto gli aspetti più toccanti dei versi del Fina.
“Il tema dominante    del pensiero    del poeta”– come sostiene    nella Prefazione la Prof.ssa    Maria Rosaria    Matrella, docente della Facoltà di    Lettere e Filosofia presso l’Università degli Studi di Foggia -    “è rappresentato    dalla memoria che respira nel ricordo di gioie passate, di illusioni svanite, di lacrime versate nel silenzio dell’anima”.
La manifestazione    è stata patrocinata dal Comune di Poggio Imperiale, Assessorato alla Cultura.
Presenti il Sindaco, il Consigliere delegato alla Cultura ed il Parroco, che hanno portato i loro saluti.
Relatore: la Prof.ssa Maria Rosaria Matrella.
I dipinti in copertina e nel testo sono di Giacomo Fina.
Dello stesso Autore:
- Dialogo postumo del 2007;
- Viaggio d’autunno del 2009;
- Il Viandante del 2010;
- Come le onde del 2011;
- Io e il Principe del 2012;
- Il vecchio e il Principe, una vita del 2012.
A quanto pare, dunque, Giacomo Fina, per gli amici Mimì, alla luce delle opere sin qui realizzate, non può essere considerato una semplice meteora occasionalmente transitata    nell’infinito universo della poesia e della prosa, non foss’altro che per la costanza e l’impegno dimostrati in questi anni.    
E tutto fa presagire che Mimì non si fermerà qui, ma che continuerà a dipingere e a scrivere poesie, offrendoci ulteriori opportunità per condividere con lui nuove emozioni.
di Lorenzo Bove
Il presente articolo è pubblicato anche sul Sito/Blog www.paginedipoggio.com


Gazzetta Web