GazzettaWeb.info
COLLABORA
corsi
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

Quarta Edizione di Natale in Casa Daunia. Serata di Premiazione del presepe vincitore

Scritto da redazione il 7/3/2012


Quarta Edizione di Natale in Casa Daunia. Serata di Premiazione del presepe vincitore

Sala gremita di gente a Palazzo Dogana, il 29 Febbraio, per la premiazione del presepe vincitore della quarta edizione di Natale in Casa Daunia, sostenuta dalla Provincia di Foggia e dalla partecipazione del Liceo Scientifico Guglielmo Marconi, che ha contribuito con il progetto La Storia del Presepe in Capitanata, diretto dal professor Francesco Paolo Corvino, tutor del corso, e dai docenti di storia e filosofia Antonietta Pistone e Michele Campiti, con il prezioso intervento dei presepisti dauni Michele Clima e Ciro Inicorbaf, coadiuvati dall’esperto fotografo Edmondo Di Loreto. Alla serata, presentata dalla Dirigente del Liceo Marconi, professoressa Michelina Boccia, hanno partecipato i comuni dei monti dauni in gara: Alberona, Castelluccio Valmaggiore, Celenza Valfortore, Troia, Biccari, Bovino, Casalnuovo Monterotaro, Celle San Vito, Pietra Montecorvino, Sant’Agata di Puglia, Deliceto, San Marco La Catola e Castelluccio dei Sauri. La serata è stata allietata dal duo pianistico composto da Giuseppina Scravaglieri e Manuela Cappelli, artiste torinesi che si sono esibite in un concerto a quattro mani sulle musiche di Bernstein, Nino Rota e Astor Piazzolla, bissando, a richiesta del pubblico in sala. Gli alunni del liceo scientifico Marconi, Raffaella Schiavone e Marino Moschella, hanno poi letto la relazione finale del gruppo progetto, che ha così commentato l’esperienza “In questo anno scolastico 2011/2012, anche il liceo scientifico Marconi di Foggia ha partecipato alla quarta edizione di “Natale in casa Daunia” con il progetto “La storia del presepe in capitanata”, coordinato dal tutor prof. Francesco Paolo Corvino e dai professori Antonietta Pistone e Michele Campiti con la presenza qualificata dei presepisti Ciro Inicorbaf, Michele Clima e l’esperto fotografo Edmondo Di Loreto. Scopo del progetto è stato quello di riconoscere, esprimere e rappresentare la storia e le tradizioni del nostro territorio attraverso i particolari e l’originalità delle opere presepiali locali. L’esperienza è stata accompagnata dall’osservazione di immagini e diapositive fotografiche e soprattutto arricchita dalle conoscenze trasmesseci dagli esperti. Stimolanti sono state le riflessioni proposte dai nostri docenti sulle fonti della storia e sulla simbologia. Particolarmente interessanti le visite guidate presso il centro storico della nostra città di Foggia, e a Bovino. La visita al centro storico di Foggia ha dato la possibilità a tutti i partecipanti di verificare personalmente la corrispondenza tra le opere presepiali di Michele Clima e alcune aree come la via Arpana, il portale della Pianara e la zona esterna corrispondente all’antico Piano delle Fosse. A Bovino, invece, abbiamo potuto apprezzare un antico mulino ad acqua, il Castello, la Cattedrale e il Museo civico con le stele antropomorfe risalenti all’epoca neolitica riprodotte nell’opera presepiale che ha vinto la terza edizione di “Natale in casa Daunia”.    Nel nostro ultimo incontro con gli esperti, abbiamo invece potuto visionare particolari molto interessanti dei presepi partecipanti a questa quarta edizione di “Natale in casa Daunia”. Le opere presepiali dei 14 centri del subappennino dauno sono state proiettate attraverso diapositive che suddividevano le realizzazioni artistiche in:
- tradizionali, cioè ambientate nella chiesa madre del luogo, come i presepi di Alberona, Castelluccio Valmaggiore e Celenza Valfortore;
- monumentali, come il presepe di Troia realizzato presso la chiesa dei missionari per raccogliere fondi a favore delle popolazioni africane;
-presepi raffiguranti luoghi particolari come quelli di Biccari, Bovino, Casalnuovo Monterotaro, Celle San Vito, Pietra Montecorvino e Sant’Agata di Puglia;
- presepi rappresentanti elementi particolari di costruzione come quelli di Deliceto, San Marco La Catola e Castelluccio dei Sauri.
Il presepe di San Marco La Catola riproduce la scena di un matrimonio riparatore che si svolge in paese all’alba.
Segnaliamo la pubblicazione “Natale nel Medioevo” che manifesta l’interesse dell’Università di Pisa per l’exultet della cattedrale di Troia, con un San Giuseppe esterno alla grotta in atteggiamento pensoso e fisicamente isolato dalla scena della natività. Anche l’Università di Torino si è occupata di questi studi e delle tecniche di allestimento presepiale che nel 1600 prevedevano l’uso di pastori in cartapesta rivestiti di stoffa, già rinvenibili nel Convento di Santa Chiara di Foggia e nel presepe di Ottavio D’Amico, con pastori dell’altezza di un palmo e mezzo (una terzina). Siamo perciò convinti di aver partecipato all’attività di un gruppo-progetto che ha potuto apprezzare elementi della storia territoriale e dell’arte presepiale locale che non tutti hanno il privilegio di vedere e conoscere. Nell’ambito delle iniziative concernenti il 150° Anniversario dell’Unità d’Italia, il nostro liceo ha preso parte alle celebrazioni anche con una visita guidata presso i Musei della città di Torino, e di Venaria Reale. La nostra esperienza culturale intende perciò riaffermare il valore della storia popolare e delle tradizioni del nostro territorio nell’auspicio di ripartire da qui per riprendere i fili di un legame inscindibile e forte con la storia nazionale del nostro paese. Questa esperienza, vissuta per un così importante anniversario del nostro paese, ha preso vita già diversi mesi fa, colorando il viaggio di istruzione a Torino di alcune classi del liceo Marconi di un interessantissimo percorso volto a raccontare la storia dell’Italia dall’Unità nazionale a oggi. Un entusiasmante viaggio tra mostre incredibili e iniziative di vario genere dedicate a raccontare questo secolo e mezzo di storia in modo critico, che ci ha fatto guardare l’Italia con occhi diversi e più esperti: non una successione di avvenimenti, ma una storia di persone; i protagonisti sono gli italiani considerati nella loro diversità e raccontati in tutte quelle fasi che li hanno visti unirsi in un sentimento di comune appartenenza. Significativa è stata la partecipazione al concerto tenuto in onore dei cinquecento anni dalla nascita di Andrea Provana, ricordato per l’epica partecipazione alla battaglia di Lepanto dalle pianiste Giuseppina Scravaglieri e Manuela Cappelli; esperienza gratificante e coinvolgente al punto che le due squisite musiciste piemontesi, ospiti, oggi, del liceo “ Marconi”di Foggia, hanno voluto regalare, a noi alunni ed alla scuola tutta, il concerto di questa sera. Vogliamo condividerlo con tutti i presenti ed in modo particolare con i rappresentanti dei quattordici comuni che hanno partecipato alla quarta edizione del concorso Natale in Casa Daunia come testimoni di quella Capitanata che ha contribuito all’unificazione italiana. Questa sera sarà raccontata la storia dell’intesa, dell’affetto e della collaborazione nati dall’incontro tra nord e sud in onore del centocinquantesimo anniversario italiano al fine di sentirci parte di una pluralità di narrazioni e di linguaggi che rappresentano il nostro splendido paese. Grazie”. Tutte le amministrazioni locali hanno ricevuto dall’Assessore alla Cultura della Provincia, l’Avvocato Elvira Consiglio, un attestato di partecipazione alla competizione presepistica. L’assessore alla Cultura della Provincia di Foggia ha poi premiato i vincitori della quarta edizione di Natale in Casa Daunia. Hanno ricevuto menzione speciale i presepi di Biccari e di Sant’Agata di Puglia per la loro ambientazione naturalistica che ricorda il paesaggio ambientale nel quale i due borghi sono immersi. Si è classificato al terzo posto il presepe di Castelluccio dei Sauri per la costruzione particolare. Ma anche gli altri due presepi sono stati premiati per la stessa ragione. Secondo posto al presepe di Deliceto. Mentre primo classificato è risultato il presepe di San Marco La Catola, che presenta la curiosità di aver riportato la scena di una storia realmente accaduta, quella di un matrimonio riparatore che si svolge all’alba in paese. Alcuni particolari ritraggono, infatti, lo sposo che si reca di nascosto in chiesa per celebrare il rito (in foto). La soddisfazione del borgo premiato ha fatto eco a quella del Liceo scientifico G. Marconi di Foggia che nella relazione finale scritta dai ragazzi partecipanti al progetto aveva individuato nel presepe di San Marco La Catola la particolarità della vicenda rappresentata, che in qualche modo significa anche una possibile interpretazione laica del mistero della Natività religiosa, mescolando sacro e profano, e riproducendo così, come dovrebbe fare l’arte, la vita nel suo naturale svolgersi.
Comunicato stampa dei dipartimenti di Disegno e Storia dell’Arte e di Storia e Filosofia del Liceo Scientifico Guglielmo Marconi di Foggia


Gazzetta Web