GazzettaWeb.info
COLLABORA
duilio
aid
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

Santuario e Parco dell’Incoronata.

Scritto da redazione il 17/6/2010


Santuario e Parco dell’Incoronata.

Al sig. Presidente del Consiglio Comunale
p.c. Al sig. Sindaco

OGGETTO: Interrogazione urgente sullo stato di incuria e insicurezza del Santuario e Parco dell’Incoronata.

Il sottoscritto consigliere comunale Consalvo Di Pasqua, capogruppo della lista “Prima Foggia”

Premesso

- Che da notizie apprese da diversi cittadini e dalla verifica diretta dell’interrogante, le aree esterne e limitrofe il Santuario Incoronata, di pertinenza comunale, versano in evidente stato di abbandono e degrado, difatti si è constatato che le zone commerciali non sono spazzate, sono piene di erbacce, i cassonetti e cestini stracolmi di rifiuti con cani randagi che girovagano tra gli sbalorditi turisti;
- Che nella zona parcheggio, oltre ad essere rilevata la stessa incuria delle altre aree, v’è la presenza di decine di persone dedite all’accattonaggio, specialmente nel fine settimana quando il Santuario registra una maggior presenza di pellegrini;
- Che il posto di Polizia Municipale è sempre chiuso, e non ci sono pattuglie neanche in modo saltuario, contribuendo ad aumentare uno stato di reale insicurezza in un disordine generalizzato;
- Che il Parco dell’Incoronata, istituito da alcuni anni, doveva rappresentare un ulteriore motivo di attrazione, atto ad incrementare e valorizzare le offerte turistiche del territorio e, nonostante sia stato istituito nell’ambito dell’Amministrazione comunale un ufficio “Parco dell’Incoronata” con a capo un dirigente “direttore del Parco”, lo stesso ufficio è solo un espressione figurata, in quanto non mette in pratica alcuna iniziativa ludico-ambientale, tralasciando quelle gestionali del parco stesso, forse l’unica iniziativa posta in essere è rappresentata da alcuni cartelli con su scritto: “Benvenuti nel Parco dell’Incoronata”, posti all’inizio e alla fine del parco, rigorosamente sommersi dalle erbacce che vegetano rigogliose;
- Che le strade di accesso e deflusso al Santuario, sono delimitate da erbacce alte oltre un metro, contribuendo all’immagine di degrado e rappresentando fonte di rischio di incendio per il bosco;
- Che il sito non è provvisto di un punto sanitario e/o di ambulanza per i periodi di maggiore affluenza;
- Che la situazione innanzi descritta contribuisce in modo fortemente negativo alla auspicata vocazione turistica delle nostre zone, allontanando anche i turisti più temerari;

Considerato

- Che con la recente apertura della nuova statale 16, a scorrimento veloce, il Santuario si raggiunge con estrema comodità e facilità, ben collegato com’è alle altre arterie stradali;
- Che il Santuario con annesso il Parco dell’Incoronata, potrebbe rappresentare un volano per l’agonizzante economia comunale, proponendo un tour turistico religioso, convogliando i numerosi pellegrini che si recano a S. Giovanni Rotondo, corroborando il “tour” con programmi e iniziative d’attrazione, ovviamente rivedendo e risolvendo i principali problemi di cui in premessa;
- Che il Parco dell’Incoronata, se reso funzionale e funzionante, può rappresentare un richiamo anche del turismo non religioso, con ritorno occupazionale;

Tanto premesso e considerato

INTERROGA

Ai sensi dell’art. 18 dello Statuto Comunale e dell’art. 31 del Regolamento del Consiglio Comunale per conoscere:

- quali provvedimenti l’Amministrazione intende intraprendere, mirati alla risoluzione dei problemi citati in premessa;
- quali iniziative si intendono attuare per un rilancio e miglior utilizzo del Parco dell’Incoronata, ponendosi come obbiettivo le considerazioni sopra citate;
Consalvo Di Pasqua


Gazzetta Web