GazzettaWeb.info
COLLABORA
corsi
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

TROIA AI I PRIMI POSTI IN PUGLIA PER LA DIFFERENZIATA

Scritto da redazione il 26/11/2010


TROIA AI I PRIMI POSTI IN PUGLIA PER LA DIFFERENZIATA

Oltre il 60% ottenuto dopo soli quattro mesi. Smentiti i denigratori. Il Sindaco incontra i cittadini, che offrono indicazioni

Dallo scorso mese di luglio è entrato in vigore il sistema di raccolta ‘porta a porta’ su tutto il territorio comunale, affidato alla ditta ‘Ciclat Trasporti S.C.’ di Ravenna.
Questi i dati registrati nei quattro mesi dall’avvio del servizio: a fine luglio (mese di passaggio dal vecchio al nuovo sistema) si è differenziato il 28,69%, di cui 10,21%    frazione umida non ancora idonea in quanto contenente sostanze e materiali diversi, mentre il conferimento dei rifiuti in discarica ha subito una flessione di 30,70 tonnellate; ad agosto    si è differenziato il 39,89% (di cui 15,41% frazione umida), mentre sono andate in discarica 45,64 tonnellate di materiali in meno; a settembre    si è differenziato il 60,01% (di cui 30,51% umido), mentre in discarica sono arrivate 55,78 tonnellate di materiali in meno; a ottobre si è differenziato il 61,61% (l’umido è stato il 25,33%), mentre il conferimento in discarica ha registrato una flessione di ben 78 tonnellate nette di materiali, di cui due di umido. Quest’ultimo dato indica che ci sono ancora buoni margini di miglioramento. Se si riuscirà a differenziare la frazione umida in maniera più attenta sarà possibile portare in discarica meno materiale e, quindi, risparmiare sui costi di conferimento.
Si tratta di un risultato raggiunto in una fase che si colloca al termine del periodo ‘sperimentale’ che rappresenta un ottimo dato di partenza, migliorabile in breve tempo. Smentiti, dunque, i denigratori, la città di Troia è tra i primi posti in Puglia tra i comuni ‘virtuosi’. Umido, vetro, carta, plastica ed altro ancora    costituiscono i materiali separati in una ‘differenziata’ da record, risultato frutto del grande senso civico dei troiani.
“Bravi!”, dice il sindaco Edoardo Beccia, che aggiunge: “è l’unica cosa che posso dire di fronte a questi dati. Sono orgoglioso della città nel suo essere così valida e della partecipazione di tutti i cittadini. Ma la strada è lunga e non possiamo fermarci”.
Intanto continuano gli incontri programmati fino al prossimo 22 novembre, che fanno registrare una notevole presenza, tra i rappresentanti dei condomini, amministratori e tecnici comunali, dai quali emergono già i primi suggerimenti da tradurre in soluzioni tecniche.
Parola d’ordine è ‘Partecipazione’, per imparare a separare bene i materiali ma anche per individuare e isolare chi sporca la città con i rifiuti indifferenziati, abbandonati fuori dagli spazi indicati e senza rispettare i giorni e le fasce orarie stabiliti.
Per i cittadini del centro preappenninico non importa quanti sacrifici e disagi bisogna affrontare. L’importante è salvaguardare l’ambiente, con un occhio ai possibili ulteriori vantaggi economici che, a regime, potrebbero derivarne per le famiglie. Occorre ricordare, a questo proposito, che l’Amministrazione comunale di Troia non ha aumentato l’imposizione fiscale relativa alla Tarsu (la tassa per la raccolta dei rifiuti solidi urbani) la cui bolletta è già alleggerita del 30% grazie ai proventi dell’energia eolica.

C.S.


Gazzetta Web