GazzettaWeb.info
COLLABORA
corsi
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

Terra di Capitanata

Scritto da redazione il 24/3/2012


Terra di Capitanata

“I Riti della Settimana Santa. Un viaggio tra fede, cultura e tradizioni popolari”.
Convegno a San Severo il 28 marzo, un progetto di marketing per la promozione del territorio
“I Riti della Settimana Santa. Un viaggio tra fede, cultura e tradizione popolare” è il tema del convegno organizzato dal Centro Studi Tradizioni Popolari “Terra di Capitanata” e dal Centro di Ricerca e Documentazione per la Storia di Capitanata, con il patrocinio del Comune di San Severo in programma mercoledì 28 marzo (Auditorium Teatro comunale “G. Verdi”, ore 18). Previste le relazioni di Patrizia Resta, docente presso l’Università degli Studi di Foggia (“Nel solco della tradizione. La processione dell’incontro a San Severo”) e Rita d’Orsi, ricercatrice in demoetnoantropologia (“I Riti della Settimana Santa tra fede e promozione del territorio”). I lavori prevedono i saluti del sindaco Gianfranco Savino; a seguire gli interventi di Giuseppe Clemente, presidente del Centro di Ricerca e Documentazione per la Storia di Capitanata, di Antonio d’Amico, direttore del Centro Studi Tradizioni Popolari “Terra di Capitanata”, e di Vincenza Cicerale, funzionario delegato della P.A. 2ª Area del Comune di San Severo.
La religiosità popolare legata ai Riti della Settimana Santa è uno dei momenti più importanti della cultura del territorio. Momenti di intensa emotività ma anche quadri suggestivi di una tradizione che diventa occasione di promozione del territorio. Un    “tesoro” da valorizzare senza per questo minimizzare il fattore religioso. Parte con questi presupposti il convegno del 28 marzo, con l’obiettivo di individuare ingredienti con cui favorire il marketing territoriale. L’appuntamento è il primo passo di un percorso in cui religiosità e tradizioni popolari recitano un ruolo fondamentale. Mission fatta propria dal Centro Studi “Terra di Capitanata”.
(in foto la Passione Vivente di Poggio Imperiale, Foggia)


Gazzetta Web