GazzettaWeb.info
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

UN MUSEO UNA IDENTITA

Scritto da redazione il 2/10/2013


UN MUSEO UNA IDENTITA

UN MUSEO UNA IDENTITA’
domenica 6 ottobre 2013
ore 10,00-12,00
Visita guidata al Lapidarium del Museo Civico di Foggia
con gli studiosi Lucia Lopriore e
Carmine de Leo Presidente Associazione Amici Museo Civico
che illustreranno i manufatti conservati nelle sale di questo affascinante settore del nostro Museo, che rappresenta un po’ il cuore antico della nostra città, con ipogei, iscrizioni, stemmi gentilizi, portali e tante altre interessanti testimonianze storiche di Foggia e del suo territorio.
Quest’anno siamo arrivati alla X edizione della Giornata nazionale della FIDAM – Federazione Italiana degli Amici dei Musei, un traguardo molto importante, dedicato quest’anno alla “Identità del Museo” e che vede, anche per l’importanza del tema trattato, l’Alto Patrocinio del Presidente della Repubblica ed il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.                                                            
Come ha annotato di recente lo stesso presidente nazionale della Federazione Italiana Amici Musei (FIDAM) Mauro Del Corso: “il nostro patrimonio culturale, lo abbiamo    sempre - e tra i primi    -sostenuto, è segno forte di    consapevolezza, di coscienza civica e civile. Testimone di appartenenza profonda ad una terra, una città, la loro storia e cultura, che sono le nostre, quelle di ciascuno di noi.
Alla FIDAM aderisce anche l’Associazione Amici del Museo Civico di Foggia, che, onorata dell’Alto Patrocinio del Presidente della Repubblica e del Ministero Beni e Attività Culturali, ha voluto quindi testimoniare con la programmazione di questa visita guidata alle suggestive sale del Lapidarium del Museo un    fil rouge identitario delle nostre realtà storiche, una serie di testimonianze che fanno palpitare il cuore antico della nostra città e del suo territorio e ci accompagnano attraverso la visione dei vari manufatti conservati in un viaggio a ritroso nel tempo, per scoprire, attraverso l’identità del nostro Museo Civico, le vicende storiche della nostra terra, confrontarci con il futuro della città in cui viviamo, per coniugare quanto scrisse Carlo Levi: “Il futuro ha un cuore antico.        E’proprio la ricerca di questo cuore, di quest’anima, di questa identità, che il volontariato culturale degli Amici del Museo vuole tradurre e far conoscere alla cittadinanza, dando sempre maggior visibilità alla sua storia ed ai preziosi manufatti del passato che il Museo Civico conserva presso le sale del Lapidarium. Queste sale, facevano già parte dell’antico complesso municipale della città di Foggia fino agli ultimi anni dell’Ottocento, quando a causa di un incendio scoppiato nel corso di una rivolta per l’aumento del prezzo del pane avvenuta nel 1898, che danneggiò fortemente gli uffici comunali, furono trasferiti presso l’antico convento di Santa Chiara.
Presso l’antica sede, che appare già disegnata in una pianta della città di Foggia realizzata verso la fine del Cinquecento, che si conserva presso la Biblioteca Angelica di Roma, restarono alcuni antichi manufatti lapidei che formavano una specie di piccolo Antiquarium.
Col tempo, gli uffici del vecchio Municipio furono restaurati ed adibiti a sede della Pretura di Foggia, nel dopoguerra, distrutto dai bombardamenti il vecchio Museo delle Tradizioni Popolari, che era situato nella corte dell’antico convento di San Gaetano, sul retro dell’attuale Conservatorio U. Giordano, i locali dell’ex Municipio furono definitivamente adibiti a Museo Civico e nelle sale terranee del Lapidarium furono raccolte significative testimonianze della nostra storia attraverso un percorso che ammalia il visitatore con la visione di interessanti ed originali reperti, provenienti in parte anche da chiese e pala l’immagine di Foggia nei secoli scorsi.
In occasione della visita al Lapidarium, ai nuovi soci, saranno distribuite gratuitamente copie dei volumi pubblicati dall’Associazione.
Con preghiera di diffusione e partecipazione, si ringrazia.
        
Presidente Amici Museo Civico
Carmine de Leo
    


Gazzetta Web