GazzettaWeb.info
COLLABORA
corsi
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

UNA CITTÀ DA VIVERE E FAR RIVIVERE L’INVITO DEGLI AMICI DELLA DOMENICA

Scritto da redazione il 29/1/2011


UNA CITTÀ DA VIVERE E FAR RIVIVERE L’INVITO DEGLI AMICI DELLA DOMENICA

I “Giorni della Merla” sono alle porte. Il freddo incombe e si fa sentire insistente sulla pelle della gente, inducendola doverosamente a coprirsi con sciarpe, cappelli e guanti. Ma non l’ha costretta a chiudersi in casa specie se ha preso un impegno verso gli amici, la città e soprattutto verso un fine da perseguire. Oggi 23 gennaio 2010 “Gli Amici della Domenica”, come anticipato nei giorni scorsi, si sono riuniti nuovamente in Piazza Purgatorio a Foggia per comunicare che il bene pubblico è di tutti, che non dev’essere oggetto di malcostume, incuria e degrado sociale. Come cita il motto “per una città da vivere e far rivivere” adottato per l’odierna manifestazione pacifica, “Gli Amici della Domenica” hanno voluto sensibilizzare la città, le amministrazioni e le istituzioni, i residenti del luogo, a rispettare ciò che di affascinante Foggia conserva e che può essere fruibile a tutti, sia per il rilancio del centro dauno se mai con incontri culturali, seminari, eventi e visite turistiche, sia per il decoro che un centro urbano deve avere. Difatti il gruppo durante la settimana, con il consueto sistema della condivisione e collaborazione democratica tramite la discussione su Facebook, ha deciso e poi realizzato un manifesto, poi esposto al pubblico in piazza, per invitare i possessori di cani a non sporcare Piazza Purgatorio o per lo meno a utilizzare gli strumenti per la raccolta dei loro bisogni fisiologici. Nello specifico e si è ben compreso, questa domenica il gruppo voleva che la Piazza Purgatorio fosse pulita. Ebbene, dopo varie proposte come “armarsi di scope e ripulire la piazza”, “Gli Amici della Domenica” sono stati ascoltati. L’Amministrazione Comunale si è adoperata per ridare contegno al luogo intervenendo nella giornata di venerdì con una squadra di uomini “armati” d’idropulitrici. Gesto apprezzato ma in parte poiché molti residui degli escrementi canini sono stati spostati fuori la piazza e non rimossi. Un gesto per metà positivo di cui il gruppo, ma soprattutto la città di Foggia, prende atto e che rilancia per far sì che tale intervento diventi formale, non occasionale e completo. L’affluenza non è mancata. Fin dalle prime ore dall’appuntamento prestabilito, le ore 10, in piazza si son visti i primi amici. A colpo d’occhio, per qualcuno, è parso che il freddo abbia scoraggiato gli amici giacché il luogo di ritrovo non era gremito come nelle domeniche scorse. Invece, gruppi di quattro cinque persone che si son divisi fra il Museo Civico aperto gratuitamente, e la Chiesa dei Morti (in foto), ambedue gestite con visite guidate, hanno rilevato presenze considerevoli da indurre le guide a dividere i gruppi in dieci persone con tempi prestabiliti. Ancora una volta un successo che fa bene a Foggia. Molti visi nuovi fra cui studiosi e artisti locali, gente comune, della scuola e della stampa, hanno partecipato all’iniziativa attratti certamente per vedere o rivedere la “chiesa chiusa”, ma sorretti dal fine perseguito dal gruppo, quello del rispetto del senso civico, della legalità e amore per la città. Da registrare, purtroppo, la poca affluenza dei residenti, che non credo restii all’iniziativa giacché hanno partecipato scrutando i presenti dalle finestre o affacciati ai balconi. Un segnale che deve far riflettere il gruppo, suscitando in loro più collaborazione, caso mai invitando gli abitanti di Piazza Purgatorio coinvolgendoli con le loro idee e, in primis, facendoli parlare per conoscere la loro storia, quella del luogo e come vorrebbero vivere la piazza. Non è mancata una gradita presenza, chiesta e ottenuta dal gruppo de “Gli Amici della Domenica”: Gianni Mongelli si è unito all’iniziativa da cittadino sensibile, innamorato della nostra Foggia e sprone a far meglio. Un invito che ha fatto piacere ai presenti e soprattutto un segnale importante lanciato non dal Sindaco ma dal foggiano. La domenica è stata anche occasione per riepilogare il lavoro finora svolto e decidere le azioni da intraprendere nei prossimi giorni. “Gli Amici della Domenica” vogliono tener dritta la barra sui due luoghi presidiati dall’inizio della loro libera iniziativa, “Piazza Tavuto” e Piazza Purgatorio, ripromettendosi di coinvolgere principalmente chi vive in quei luoghi e chiedere all’Amministrazione Comunale e le istituzioni, i prossimi interventi per migliorarne la vivibilità.

Comunicato stampa di Nico Baratta
Responsabile per la Comunicazione
Membro del gruppo


Gazzetta Web