GazzettaWeb.info
COLLABORA
corsi
ParlarePubblico
Sei qui: GazzettaWeb
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

il Consiglio Regionale Pugliese ha bocciato la proposta di legge di iniziativa popolare 50 e 50

Scritto da redazione il 29/11/2012


il Consiglio Regionale Pugliese ha bocciato la proposta di legge di iniziativa popolare 50 e 50

Il 27 novembre ,con voto segreto il Consiglio Regionale ha bocciato la proposta di legge di iniziativa popolare con 30mila firme relativa alla quota 50 e 50.

Non è stata una bella pagina della politica locale pugliese.

A nostro avviso la brutta figura è stata bi-partisan ,ed    è vero che si è persa un'occasione storica: rendersi protagonista di una rivoluzione culturale.

Se la legge fosse stata approvata si sarebbe stabilito un precedente unico e valido per tutta l'Italia.

In parole semplici    si sarebbero avute le liste nelle prossime consultazioni regionali    (ma nn solo) , del 50% donne e 50% uomini.

Pensiamo    che    uomini validi e preparati con importanti retroterra culturali non dovrebbero nutrire alcuna perplessità nel confrontarsi con altri "competitors"

di sesso femminile, anzi la competizione potrebbe rivelarsi ancor più costruttiva e ricca di significato e potremmo giovarcene tutti come cittadini.

Sono state offese 30.000 persone che hanno apposto la loro firma affinchè si prendesse in esame nella più importante assise istituzionale

regionale questa eventualità.

Qualcuno parla di schiaffo alle donne pugliesi, pensiamo di poter    dire schiaffo al buon senso, se si mette in risalto ormai la    crisi relativa alla    partecipazione del

singolo cittadino alla politica attiva e di rappresentanza , sarebbe stata questa per taluni versi    una inversione di tendenza.

Si potrà porre riparo a questo " scivolone" bipartisan?

Noi lo auspichiamo anche perchè sarebbe un offesa non solo    alle tante donne delle associazioni territoriali tra cui     Donne in Rete di Foggia    che ieri erano

presenti in Consiglio, ma un offesa per una intera Regione che di offese ne riceve già abbastanza .


Salvatore Valerio
Presidente dell'Associazione Politico Culturale
Laboratorio di Evoluzione Politica e delle Idee.


Gazzetta Web